La Russia dovrà essere “più prudente” con le esportazioni di cibo all’stero, “specialmente verso i Paesi ostili”. Lo ha detto il presidente Vladimir Putin citato dalla Tass prefigurando una limitazione all’export. “L’Occidente sta cercando di scaricare i propri errori economici sulla Russia, per risolvere i problemi a spese” di Mosca, ha aggiunto Putin. La Russia è uno dei maggiori produttori di grano al mondo. Insieme all’Ucraina ha una quota del 25% del commercio globale di frumento che vale complessivamente 120 miliardi di dollari (106 miliardi di euro). Il calo delle esportazioni dall’Ucraina (- 15%) è stato solo parzialmente compensato dall’incremento di quelle da Stati Uniti, India, Brasile e Argentina. I paesi che maggiormente dipendono dal grano russo sono la Turchia, l’Egitto e lo Yemen ma le turbolenze sui mercati generano rincari che hanno effetti ovunque. Da inizio anno il prezzo del grano è salito del 65% quello del mais del 32%. “C’è bisogno di mitigare gli effetti esterni negativi per i nostri cittadini: aumentare la produzione e le consegne al mercato interno di alimenti di alta qualità a prezzi accessibili, compresi i prodotti ittici. Questo è il compito chiave di quest’anno”, ha affermato oggi Putin.

Da tempo gli osservatori, memori delle primavere arabe del 2011, mettono in luce quanto questa situazione possa sfociare in tumulti e generare instabilità politica nei paesi più poveri. Russia ed Ucraina sono anche grandi esportatori di semi di girasole. Da qui proviene l’80% del offerta globale dei semi con cui si produce l’olio da cucina a livello globale. Anche in questo caso al di là dell’effettiva carenza di offerta, la guerra in Ucraina e il blocco dei porti del mar Nero, generano onde d’urto a livello globale. Da questi scali, secondo alcune stime si muovono carichi che sfamano 400 milioni di persone in tutto il mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carbone, legno e chimica russa nel mirino dell’Unione europea. Sul tavolo lo stop all’import per un danno a Mosca di 10 miliardi l’anno

next
Articolo Successivo

Bankitalia, “Rubati i risparmi di dipendenti”: hacker per giorni nei sistemi della Cassa di Sovvenzioni e Risparmio fra il personale

next