“La sua volontà di andare lì è venuta senza alcuna spinta, è stata una sua scelta“. Ospite di Silvia Toffanin nel salotto di Verissimo, Emanuele Filiberto di Savoia ha parlato dell’esperienza fatta dalla figlia Vittoria – l’erede al “trono” – partita nelle scorse settimane come volontaria per il confine con l’Ucraina, con una missione umanitaria organizzata dalla Croce Rossa. “Vittoria mi ha chiamato – ha raccontato – e mi ha detto di essere rimasta molto colpita da quello che sta succedendo in Ucraina e che voleva rendersi utile. Ha contattato la Croce Rossa ed è partita in Polonia, al confine con l’Ucraina“. Emanuele Filiberto ha spiegato che la figlia non si è lasciata abbattere dalle difficoltà del viaggio, anzi, è stata lei a insistere per rendersi utile: “Dopo 22 ore di viaggio con il camion è andata ad aiutare i profughi. Penso che sia tornata più ricca, ha vissuto un’esperienza incredibile per la sua età”, ha concluso. Era stata la stessa Vittoria a raccontare per prima questa sua esperienza: in un lungo post pubblicato su Instagram al suo rientro in Italia, aveva spiegato le ragioni che l’avevano spinta a dare una mano in prima persona per aiutare il popolo ucraino vittima della guerra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Denzel Washington: “Il diavolo si è impadronito di Will Smith, è stato lui a fargli dare lo schiaffo a Chris Rock. Abbiamo pregato insieme quella sera”

next
Articolo Successivo

Morta Chelsie Whibley, l’attrice stroncata a 29 anni da una fibrosi cistica. Il marito: “Vorrei fosse un brutto sogno”

next