Si rimette a girare a pieno ritmo il motore degli affitti brevi. Le prossime vacanze di primavera daranno un assaggio sulla ripresa del turismo, ma sarà soprattutto l’estate a sancire il grande ritorno dello short rent.

Una recente ricerca EY Future Travel Behaviours ha rilevato che nel 2021 oltre l’80% degli italiani è tornato a viaggiare per una vacanza, un dato in miglioramento rispetto al 2020 (70%).

Trovate ulteriori approfondimenti sul Magazine di Immobiliare.it

Le nuove abitudini sul mercato degli affitti brevi

Eppure il settore non si appresta a vivere un mini-boom solo sulla base delle aspettative future. Un po’ a sorpresa, già i risultati del 2021 sono stati eccezionali in molti casi. E in un certo senso la pandemia può anche avere avuto effetti positivi. Da un lato, infatti, non appena si aprivano spiragli per viaggiare, molte persone hanno preferito l’affitto di una casa o un appartamento, al posto dell’hotel o del villaggio, così da non avere problemi di distanziamento sociale, condivisione di sale ristorante eccetera.

L’effetto pandemia si è fatto sentire anche sugli operatori di casa nostra, naturalmente con volumi non paragonabili al colosso americano. Un operatore specializzato negli affitti brevi come Italianway ha chiuso il 2021 con +83% di notti vendute (163mila) rispetto al 2020. Stesso balzo anche per CleanBnb, property manager focalizzato sullo short rent (quotato in Borsa) che ha da poco diffuso i dati preliminari sul 2021: soggiorni gestiti pari a 31.039, con un incremento del 110% rispetto al 2020 e superiore del 15% anche rispetto al 2019.

Case isolate in cima alle preferenze estive

Intanto, proprio per cavalcare l’onda, si muove lo scenario delle agenzie immobiliari specializzate. All’inizio di febbraio, Solo Affitti Brevi (nata come spin-off di Solo Affitti) è divenuta ufficialmente una società autonoma, con un nuovo brand: Affitti Brevi Italia. “Dopo il periodo di incertezza, il settore ha dato segnali di energica ripresa e avrà un forte rilancio nei prossimi mesi. Gli stessi dati Istat confermano che l’extra alberghiero viene sempre più scelto dai turisti” secondo Massimo Magni, amministratore unico di Solo Affitti Brevi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Blockchain nel mercato immobiliare: perché è una mossa vincente utilizzarla

next
Articolo Successivo

Russia-Ucraina: l’influenza sul mercato italiano dei mutui

next