Nemmeno un self-publisher nella classifica dei romanzi rosa più venduti nel 2021 stilata da Amazon per San Valentino. Non ce n’è traccia né tra i cartacei né tra gli e-book. E vi è solo un’autrice italiana.

Sul podio degli ebook troviamo il best seller Cambiare l’acqua ai fiori dell’autrice francese Valérie Perrin che racconta la storia di Violette Toussaint, guardiana di un cimitero di una cittadina della Borgogna, e un poliziotto arrivato da Marsiglia con una richiesta piuttosto singolare. In seconda posizione il romanzo di Lucinda Riley, La sorella perduta. Le sette sorelle che narra il viaggio delle sorelle D’Aplièse alla ricerca di Merope, la sorella scomparsa; seguito da Bugiarde si diventa, la nuova irresistibile commedia romantica di Felicia Kingsley che spiega come una piccola bugia trasformerà per sempre la vita della protagonista Charlotte. Infine, al quarto e quinto posto vi sono i romanzi di Julia Quinn Il duca e io e Il visconte che mi amava della serie di Bridgerton.

Sul fronte dei cartacei in pole position vi è il romanzo di Lucinda Riley, in seconda posizione troviamo Il Fabbricante di Lacrime di Erin Doom, mentre al terzo e al quinto posto vi sono i romanzi di Julia Quinn della serie Bridgerton succitati, che entrano nella lista dei romanzi cartacei più acquistati su Amazon.it. Da segnalare in quarta posizione Come anima mai di Rossana Soldano, unica italiana, che racconta gli intrighi di Lewis Ellsworth, figlio del Duca di Buccleuch nell’Inghilterra del 1936.

Prima di entrare nella scuderia Salani, Il Fabbricante di Lacrime di Erin Doom aveva avuto sei milioni di lettori su WattPad, ma non ci sono libri di self-publisher tra quelli in classifica. Mi sono interrogata sui motivi di questa assenza. In primo luogo gli autori autopubblicati non riescono a ottenere l’attenzione di quotidiani e periodici blasonati perché la maggior parte di recensori e critici non ama sporcarsi le mani con opere che non arrivano dalle case editrici.

Inoltre, pur generando buoni incassi, il genere romance è sempre stato considerato di serie B. Recentemente ho scoperto che anche tra le blogger non vi è molta propensione a scrivere di self. A questo aggiungiamo che non sempre l’editore di se stesso ha tempo e mezzi per mettere a punto una strategia di marketing e si limita a promuovere il suo libro sui social o con il passaparola.
Insomma, non è facile farsi largo nel mondo dell’editoria, soprattutto per chi non ha santi in paradiso.

Ma torniamo a San Valentino. Amazon ha stilato anche la classifica delle città che nel 2021 hanno acquistato più romance. Per il terzo anno consecutivo la nordica Bolzano si conferma la città italiana più romantica seguita da Trieste e Milano. Ecco la top 10 completa: Bolzano, Trieste, Milano, Lucca, Padova, Vicenza, Verona, Treviso, Pavia e Como. Purtroppo non ci sono città del sud e sono convinta che il romanticismo non c’entri nulla, semplicemente si legge meno.

La classifica è stata realizzata in base al numero di vendite pro capite sia di ebook sia di libri cartacei nelle città con più di 60mila abitanti. Da evidenziare che rispetto al 2020 il capoluogo lombardo ha perso un posto, cedendo la seconda posiziona a Trieste; mentre in quarta posizione c’è la new entry Lucca; infine Padova raggiunge la quinta posizione, superando Vicenza e Verona, rispettivamente al sesto e settimo posto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

Donatello, dopo 40 anni una nuova mostra dedicata al “maestro dei maestri”. Oltre 130 opere dal mondo arrivano a Firenze per celebrarlo

next
Articolo Successivo

Opera lirica, quando il regista non esisteva: storia breve delle “Disposizioni sceniche”. Com’è cambiata la messinscena dall’Ottocento a oggi

next