“Non ci aspettavamo così tante persone per pranzo, il locale così pieno non lo vedevo dall’inizio della pandemia“. Sono queste le parole della maggior parte dei ristoratori del centro storico di Milano, tra sorpresa e felicità per l’economia del loro settore. Nel capoluogo Lombardo, infatti, si registra un gran numero di prenotazioni per il giorno di San Valentino e molte code fuori dai locali. “La maggior parte dei tavoli sono coppie”, spiega un ristoratore della pizzeria “Fresco&Cimmino”. La Lombardia è rimasta zona gialla dopo le ultime ordinanze del ministero della Salute che hanno spostato in zona arancione Liguria, Toscana, Abruzzo e Trento, segno che il virus circola ancora con l’aggravante della diffusione delle varianti, in particolare quella inglese che ha obbligato a mettere in zona rossa l’intera provincia di Perugia. Proprio questo aumento dei contagi ha spinto il Cts a suggerire di bloccare la riapertura degli impianti da sci. Molti esperti, tra cui Walter Ricciardi e Andrea Crisanti, hanno dichiarato la necessità di un lockdown totale per un periodo determinato di tempo in modo da abbattere i contagi e permettere di nuovo un tracciamento per tornare a controllare l’epidemia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, 11.068 nuovi casi con 205.642 tamponi (compresi i rapidi). I decessi sono 211

next