La nuova Aston Martin DBX707 è la più potente sport utility in circolazione: è spinta da un taurino motore V8 biturbo di 4 litri da ben 707 CV di potenza massima e 900 Nm di coppia motrice. Numeri trasferiti a terra tramite un cambio automatico a nove rapporti, collegato alle quattro ruote motrici. Il canonico zero-cento? Sbriciolato in 3,3 secondi. Si tratta solo dell’ultimo modello che si aggiunge al sempre più nutrito elenco di Suv ad alto tasso adrenalinico, che include modelli come Porsche Cayenne, Lamborghini Urus e, presto, la Purosangue della Ferrari.

A tenere a bada tanta esuberanza c’è un impianto frenante con enormi dischi carboceramici (che consentono di risparmiare 40,5 chili di peso rispetto a quelli convenzionali), morsi da pinze a sei pistoncini, celate a loro volta da cerchi da 22”. Rivisti e adattati alle prestazioni del mezzo il differenziale posteriore autobloccante a controllo elettronico, l’assetto – dotato di sospensioni rivisitate – e il servosterzo elettronico.

A distinguere la DBX707 dalle edizioni più paciose della Suv inglese pensano dettagli estetici come la mascherina anteriore, formato extralarge, le nuove luci diurne, le prese d’aria ricavate nella porzione inferiore della grembiulatura frontale e un nuovo splitter. In coda figura un inedito alettone, che contribuisce a incrementare la stabilità del veicolo alle alte velocità, in sinergia con un diffusore posteriore dedicato.

All’interno, i sedili sportivi con selleria di pelle o Alcantara – in alternativa ci sono quelli “Comfort”, optional senza sovrapprezzo –, che si abbinano a finiture scure cromate (in opzione il cromo brillante o la fibra di carbonio). Lunghissimo l’elenco delle personalizzazioni. La vettura sarà prodotta a partire dal primo trimestre di quest’anno: prime consegne programmate ad aprile a un prezzo ancora da definire ma, presumibilmente, nell’ordine di un quarto di milione di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gordon Murray T.33, un capolavoro di supercar da 1,6 milioni di euro – FOTO

next
Articolo Successivo

E-Tense Performance, ecco il laboratorio elettrico su ruote by DS – FOTO

next