È stato trattenuto in una prigione ordinaria nonostante le indicazioni dei tribunali nazionali e poi della Corte europea dei diritti umani che chiedevano il trasferimento una una struttura dedicata alle persone con gravi problemi psichiatrici. Così la Cedu ha condannato l’Italia per maltrattamenti nei confronti di Giacomo Seydou Sy, un detenuto italiano nato nel 1994, residente a Mazzano Romano, che soffre di turbe della personalità e bipolarismo. Adesso, secondo quanto disposto dalla sentenza della Corte, lo Stato dovrà versargli un risarcimento di 36.400 euro.

Sy è stato più volte accusato di molestie nei confronti della sua ex compagna, resistenza a pubblico ufficiale e furto. Ma di questi reati l’uomo, considerato “socialmente pericoloso”, è stato ritenuto consapevole solo parzialmente, proprio a causa dei gravi disturbi psichici dai quali è affetto. Inoltre, i giudici ritengono che il suo stato di salute non sia compatibile con la detenzione in una prigione ordinaria. Ma nonostante questo, e due decisioni dei tribunali nazionali, l’uomo si trova ancora recluso nel carcere romano di Rebibbia. Per giustificare il mancato rispetto delle decisioni dei giudici, le autorità hanno fatto sapere di non essere in grado di trovare un’alternativa alla sua detenzione in carcere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andrea Riccardi, l’ipotesi di candidatura al Colle nell’anno d’oro di Sant’Egidio (che dà la linea al governo sulle politiche per gli anziani)

next
Articolo Successivo

Napoli, disoccupati regalano mascherine ffp2 ai detenuti: “Assurdo che lo Stato non abbia previsto misure straordinarie”

next