La tensione, a MasterChef Italia, gioca spesso brutti scherzi. Ora che siamo al giro di boa di questa edizione (ieri i due nuovi episodi su Sky e in streaming su NOW, sempre disponibili on demand), i giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli esigono dai cuochi amatoriali la perfezione. Federico, il deejay 30enne di origini argentine e ora a Milano, nell’Invention Test di ieri era sicuro di aver preparato un piatto di buon livello: ha presentato con orgoglio ai giudici e all’ospite della serata Anissa Helou – studiosa, scrittrice ed esperta di cultura islamica – la sua “Tartare a modo mio” (pane Rgaïf con agnello alla tahina e soia, verdure e salsa allo yogurt), ma ha raccolto diverse critiche. Soprattutto da Giorgio Locatelli, con cui lo scontro è stato diretto.

Per il nuovo appuntamento con il cooking show prodotto da Endemol Shine Italy per Sky, ieri sera su Sky Uno/+1 e on demand, gli ascolti si attestano su una media di 784.323 mila spettatori medi e del 3% di share, con 1.136.752 contatti, in linea con la scorsa settimana. Nel dettaglio, il primo episodio ha totalizzato 880mila spettatori medi e il 2,9% di share, con il 70% di permanenza e 1.258.636 contatti; il secondo ha raggiunto 689mila spettatori medi, con il 3,1% di share, il 68% di permanenza e 1.014.868 contatti.

MasterChef Italia è ogni giovedì alle 21.15 su Sky e in streaming su NOW, sempre disponibile on demand

Immagini concesse da Sky

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Masterchef, Bruno Barbieri diventa “professore” e dà il voto a Carmine: ecco quanto merita il suo piatto con gli ingredienti “migranti” – Video

next