“Il Pd mi ricorda il celebre film di Nanni Moretti, quando dice: ‘Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?’. Ecco, il rischio è che faccia la foglia di fico a un governo di destra. Col governo Draghi la precarietà è aumentata, così come le disuguaglianze sociali”. Scintille ieri sera a Otto e Mezzo, il programma condotto da Lilli Gruber su La7, tra il rettore dell’Università per stranieri di Siena, Tomaso Montanari, e il ministro Andrea Orlando, ospite in studio. “La precarietà non l’ha introdotta questo governo”, ha replicato Orlando, “mi dica quale tipologia contrattuale è stata introdotta e che aumenta la precarietà”. Scontro, poi, sugli ammortizzatori sociali. “Ci si aspettava una legge organica di cui non c’è traccia”, ha detto il professore. “Ma lei ha studiato la proposta che è contenuta nella legge di Bilancio?”, ha chiesto Orlando. “Non mi pare che ci sia”. “Non le pare o non lo sa?”. “Non è sicuramente la risposta che ci si aspettava”. “Chi lo aspettava, chi?”. Lilli Gruber è stata costretta a intervenire più di una volta per raffreddare gli animi.

Video La7

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte a La7: “Fossi stato al posto di Draghi oggi? Mi avrebbero già crocifisso”

next
Articolo Successivo

Buio sul Colle: se Berlusconi cerca voti, a chi rivolgersi se non all’allievo Matteo?

next