“La variante Omicron si sta diffondendo rapidamente nei Paesi con alti livelli di immunità della popolazione, molto più di Delta, ma non è chiaro se sia dovuto alla capacità del virus di eludere l’immunità, alla sua intrinseca maggiore trasmissibilità o a una combinazione di entrambi”. Proprio quando l’allerta sugli sviluppi della pandemia di Covid è massima e sempre più governi introducono nuove restrizioni, l’Organizzazione Mondiale della Sanità lancia un nuovo allarme. Nel suo ultimo aggiornamento tecnico fa il punto della situazione sulla variante scoperta a novembre in Sudafrica, sottolineando che è ormai presente in 89 Paesi e il numero dei casi raddoppia in 1,5 – 3 giorni nelle zone in cui c’è trasmissione locale del virus.

“Dato il numero di casi in rapido aumento, è possibile che molti sistemi sanitari vengano rapidamente sopraffatti“, avverte l’Oms aggiungendo poi che ci sono però “ancora dati limitati sulla gravità clinica di Omicron”. “Sono necessari più dati per comprenderne il profilo di gravità e in che modo la gravità sia influenzata dalla vaccinazione e dall’immunità preesistente”, aggiunge l’organismo, specificando che “ci sono ancora dati disponibili limitati e nessuna prova sottoposta a revisione sull’efficacia del vaccino per Omicron. I ricoveri nel Regno Unito e in Sudafrica continuano ad aumentare e, dato il numero di casi in rapido aumento, è possibile che molti sistemi sanitari vengano rapidamente sopraffatti”, ha concluso l’Oms.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nell’India di Modi, essere una donna indigena è un atto di resistenza

next
Articolo Successivo

Regno Unito, triplicati i nuovi contagi legati a Omicron: sono oltre 10mila su 90.418 casi registrati in 24 ore e 125 decessi

next