Oppo, il brand cinese che opera nel campo degli smart devices, durante il primo giorno dell’INNO Day 2021 ha presentato le sue prime novità per il 2022.

Il primo annuncio vede protagonista il MariSilicon X, un processore neurale (NPU), con architettura a 6nm, dedicato all’imaging sviluppato da Oppo stesso per la sua prossima generazione di smartphone Find X, in arrivo nel primo trimestre del 2022. Il nuovo chip è stato sviluppato per dare il massimo sia dal punto di vista prestazionale di calcolo (la cancellazione del rumore tramite AI è fino a 20 volte più veloce rispetto all’attuale top di gamma di Oppo) sia dal punto di vista dei consumi, grazie anche all’architettura multilivello della memoria che permette di evitare cicli inutili di lettura e scrittura.

Grazie al MariSilicon X i nuovi smartphone di Oppo potranno offrire l’elaborazione delle immagini RAW in tempo reale e catturare video in notturna a 4k migliorati in tempo reale dall’intelligenza artificiale; l’ISP (processore d’immagine) interno al chip permetterà inoltre di catturare immagini con una gamma dinamica a 20bit 120db, ottenendo tra le aree più luminose e più scure un rapporto di contrasto di 1.000.000:1, garantendo così secondo il produttore scatti in alta qualità, quanto più fedeli alla realtà.

La seconda novità presentata da Oppo sono gli Air Glass, un dispositivo di realtà assistita (o aR) indossabile come un normale paio di occhiali, che mostra informazioni all’utente tramite un display monoculare a guida d’onda composto da cinque lenti ad alta trasparenza ed un proiettore Micro LED proprietario di Oppo; il dispositivo del produttore cinese ruota attorno alla piattaforma Snapdragon Wear 4100 di Qualcomm, che insieme agli altri componenti si trova integrata nella cornice, vedendo il peso complessivo degli Air Glass attestarsi sui 30g.

Gli Oppo Air Glass offriranno la possibilità agli utenti di installare varie applicazioni, come il meteo, il calendario, la navigazione, il traduttore bidirezionale – attualmente supportato cinese mandarino ad inglese, e viceversa -, ed il teleprompter (il gobbo elettronico). Le varie funzionalità saranno controllabili con il tocco, la voce, i movimenti della testa e, a patto di avere un Oppo Watch 2, con i movimenti delle mani. Il nuovo wearable di Oppo debutterà sul mercato cinese durante il primo trimestre del 2022, mentre non è ancora stato comunicato quando (e se) arriverà sul mercato internazionale.

Per Oppo si tratta sicuramente di un periodo intenso dal punto di vista degli annunci, qualche giorno fa è stato infatti anticipato il Find N, il primo smartphone pieghevole dell’azienda cinese, mentre nelle ultime settimane il brand ha lanciato in Italia sia il suo nuovo store online e che la community dedicata ai propri fan ed appassionati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vivo V21 5G: lo smartphone di Vivo è ottimo per gli amanti di selfie e video blogger grazie alla sua fotocamera anteriore da 44MP

next
Articolo Successivo

La ‘scimmia annoiata’ venduta per errore: le criptovalute e il business dei cartoons fighetti

next