Nemmeno il geometra Calboni, della celebre saga fantozziana, potè tanto in uno spazio così angusto. La notizia che i tabloid inglesi stanno lanciando da ore va riportata anche solo per comprendere dove siamo arrivati nell’era della privacy esibita come merce spettacolare in ogni contesto pubblico. Secondo il Daily Mail e diversi altri tabloid britannici, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, avrebbe avuto problemi di aria nella pancia. Insomma avrebbe emesso un peto rumoroso in presenza dei grandi della terra al recente Cop26 di Glasgow. A raccontare l’accaduto, anzi proprio “a non smettere di parlare dell’accaduto” è stata nientemeno che Camilla Parker Bowles, presente di persona all’imbarazzante momento.

“Era lungo e rumoroso”, ha spiegato la gola profonda al Mail, sottolineando che la cosa ha sbalordito proprio Camilla, la quale poi ne avrebbe parlato per ore e giorni con chiunque. Con lei, tra l’altro, nel momento dello “squassante peto” (cit Elio e le storie tese) c’erano soltanto il compagno principe Carlo e il primo ministro Boris Johnson. Biden, tra l’altro soprannominato “Sleepy Joe” dall’ex avversario pel di carota Donald Trump, era stato pizzicato più volte durante il discorso d’apertura con i grandi della terra con gli occhi che gli si chiudevano per il sonno, nonostante la postura eretta e l braccia incrociate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I Cugini di Campagna furiosi con i Maneskin: “Basta copiare i nostri abiti”

next
Articolo Successivo

Domenica In, Carlo Verdone: “Ho abusato di antidolorifici. Dopo nove anni di sofferenza sono riuscito a camminare”

next