Una condanna a quattro anni è stata chiesta dalla procura di Roma per il cantante Gigi D’Alessio nell’ambito del processo davanti al giudice monocratico per reati fiscali. Il pm nel corso della requisitoria ha sollecitato anche due anni per altri quattro imputati. In relazione invece a due dei quattro capi di imputazioni è stato richiesto il non doversi procedere per intervenuta prescrizione.

Il processo nasce da un’inchiesta dei pm capitolini per una presunta evasione fiscale di circa 1,7 milioni di euro fra Ires e Iva non versata. Insieme a D’Alessio sono a processo altre quattro persone, un socio e tre legali rappresentanti che si sono avvicendati nella Ggd Productions srl, società riconducibile al cantante. Le accuse per fatti che risalgono al 2010 sono di occultamento delle scritture contabili. La sentenza è attesa nella prossima udienza fissata per il 9 novembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Amministratori sotto tiro”, il report 2020 di Avviso Pubblico: meno intimidazioni ma sempre di più al Nord e attraverso i social

next
Articolo Successivo

Presunzione d’innocenza, il Cdm approva il decreto. Dalla stretta sulle conferenze stampa al bavaglio ai pm, ecco cosa contiene il testo

next