Nel corso delle ultime settimane abbiamo avuto la possibilità di provare lo Xiaomi 11T, uno dei tre nuovi modelli di smartphone che il brand cinese ha presentato nel corso del mese di settembre e che si appresta a lanciare sul mercato italiano in questi giorni.

Per l’11T Xiaomi ha optato per 3 colorazioni del retro, in grado di attrarre diversi tipi di clientela: il sample a nostra disposizione è nella colorazione Meteorite Grey che, grazie al colore scuro e l’effetto metallo spazzolato della finitura (interrotta solo dal “bump” verticale dedicato alle fotocamere posteriori), si presenta sobrio ed elegante, rendendolo sicuramente d’interesse per chi è alla ricerca di un dispositivo bello ma senza eccessi; unica pecca, senza una cover il rivestimento tende ad accumulare facilmente ditate ed impronta.

Sicuramente uno dei punti forti dello Xiaomi 11T è il suo display AMOLED da 6,67″, che occupa quasi interamente la parte frontale dello smartphone, molto luminoso e capace di offrire dei colori molto vividi ed un’ottima esperienza sia nella visione di film, serie TV e video con le principali app di streaming, sia nei giochi, situazione quest’ultima dove può dare ancora di più grazie ai 120Hz di frequenza massima di refresh. Buona pure la prova del doppio speaker stereo, in grado di offrire bassi potenti e voce chiara sia nell’ascolto di musica che nella visione di video.

Valida la prova dal punto di vista delle prestazioni, il SoC scelto da Xiaomi per questo modello, il Dimensity 1200 Ultra di Mediatek, è riuscito a far bene in tutte le situazioni in cui lo abbiamo impegnato, dando un’ottima prova anche nel gaming. Buona la dotazione di RAM e memoria di massa, 8GB/128GB nel modello che abbiamo provato, sufficienti sia per chi scatta tante foto che per giocare a titoli “impegnativi” come Call of Duty: Mobile (capace di occupare oltre 11GB di memoria una volta scaricati gli asset in alta definizione e tutte le mappe); per chi ha bisogno di qualcosa in più Xiaomi offre una versione con 256GB di memoria di massa.

Parlando di fotografia, la fotocamera principale da 108MP si è comportata bene nelle varie situazioni di luce a cui la abbiamo sottoposta, tranne alcuni casi di sovraesposizione causati dall’intervento eccessivo dell’HDR, così come buona è stata la prova della fotocamera frontale. Le altre due fotocamere (grandangolare da 8MP e telemacro da 5MP) riescono ad offrire buoni scatti, ma la differenza di livello rispetto agli scatti della fotocamera principale si nota.

Sul versante della connettività lo Xiaomi 11T si difende molto bene, offrendo sia il supporto alle reti 5G sia il supporto al più recente WiFi6, garantendo sia in casa che fuori casa – a patto di avere una buona copertura – una connessione stabile.

Nonostante le performance di livello medio/alto la batteria dello Xiaomi 11T riesce a garantire senza troppi problemi un’intera giornata d’utilizzo, anche includendo uno-due ore di gaming alla tradizionale routine, e, a patto di utilizzare il caricabatterie da 67W fornito con il device, è comunque possibile riportare la carica dall’1-2% al 100% in poco meno di 40minuti, cosa che torna certamente comoda se si ha poco tempo per ricaricare il telefono prima di uscire di casa.

A bordo dello Xiaomi 11T troviamo Android 11 con la più recente versione di MIUI, la storica interfaccia grafica del produttore cinese. Se siete alla vostra prima esperienza con un dispositivo di Xiaomi potreste avere bisogno di qualche giorno per abituarvi alle differenze rispetto ad altri device Android, visto anche l’utilizzo di varie app proprietarie al posto di quelle di Google (come ad esempio per la galleria fotografica), ma nel complesso una volta presa la mano l’interfaccia risulta abbastanza comoda ed intuitiva, senza pesare -almeno dal punto di vista della fluidità – sulle performance del dispositivo; va precisato che potreste dover registrare un account Xiaomi per utilizzare alcuni dei servizi ed app preinstallati. Di interesse per i gamer l’app GameTurbo che permette di controllare le performance (ed attivare eventualmente un Boost), oltre che offrire la possibilità di catturare screenshot e video di gioco.

Molto positiva per noi nel complesso la prova dello Xiaomi 11T, in grado di mostrarsi un prodotto valido nelle varie situazioni d’uso. Il prezzo previsto al lancio è di 549€ per la versione con 128GB di memoria (come il modello da noi provato), mentre per la versione da 256GB il prezzo sale a 599€; per le prime 24h dall’arrivo sul mercato il produttore cinese offrirà il modello da 256GB a 549€, con la possibilità per chi lo acquista dallo store del produttore stesso di ricevere una Mi TV da 32″ gratuitamente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Riders Republic: lo sviluppo del gioco raccontato dal game designer Mathieu Clavel

next