di Gennaro Siciliano

Va bene affidarsi a multinazionali come Enel X per l’ecobonus 110%, misura straordinaria promossa dal presidente Giuseppe Conte e dal suo governo.

Si occupano di tutte le scartoffie loro, rendono la riqualificazione energetica delle case private più semplice ed accessibile per chiunque, anche per chi non saprebbe da dove cominciare (pannelli fotovoltaici, batterie d’accumulo, pompe di calore, serramenti, ecc). Però attenzione, ci sono diversi lati negativi: di certo non vedrete casa vostra riqualificata attraverso una progettazione specifica sulla base delle esigenze del cliente; non potrete mettere becco sulla scelta dei materiali e delle forniture, sceglieranno loro tra i materiali pre-selezionati; consegneranno il materiale in un tempo variabile in base a diversi fattori e decideranno loro quando venire ad installarvi gli impianti sulla base di un’arbitraria gestione da parte delle aziende partner Enel X sul territorio; in caso d’incongruenze sui materiali o problematiche di vario tipo sarà un miracolo ricevere assistenza.

Insomma questi pacchetti, definiti dagli esperti “copia e incolla” come il pacchetto Unifamiliare di Enel X, sono comodi da una parte ma hanno molti punti negativi.

L’interesse delle multinazionali è quello di sfruttare questa opportunità di guadagno, spendendo il più possibile inizialmente, guadagnando il numero di clienti più alto possibile, perché non solo recupereranno l’intero capitale investito ma guadagneranno in più il 10%. Di certo non avranno come priorità casa tua, non avranno l’interesse di fornire materiali sempre al top, ma solo quello disponibile, indipendentemente dal costo che rimane identico. Visti poi i numeri enormi di richieste, le problematiche eventuali del singolo passeranno di certo in secondo piano, anche da parte dell’azienda che sul territorio è partner di Enel X e che si occupa della consegna e dell’installazione degli impianti nonché dell’assistenza.

Tutto passa in secondo piano e la posizione dominante delle multinazionali e delle aziende partner pongono i clienti a subire le loro decisioni. Anche il fenomeno dell’incremento incontrollato dei prezzi di vendita dei materiali, fino addirittura al doppio del normale, andrebbe controllato e sanzionato. Occorrerebbe quindi rendere accessibili le detrazioni e le agevolazioni a tutti in maniera molto più semplice e chiara, limitando così le condotte di chi mira solo al proprio guadagno. Noi, nel frattempo, voci isolate, possiamo solo raccontare la nostra esperienza.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anche quest’anno il Nobel per l’Economia non è andato a dei veri innovatori. Peccato

next
Articolo Successivo

Stellantis, Grugliasco “migra” a Mirafiori ma non ci saranno esuberi. Confermati i nuovi modelli 2022

next