BMW toglie i veli alla nuova edizione della Serie 2 Active Tourer, arrivata alla sua seconda generazione e pronta al debutto commerciale a febbraio 2022. Lunga 4,4 metri, la Serie 2 Active Tourer si distingue per un design più deciso che in passato, con la calandra doppio rene formato maxi, affiancata dai gruppi ottici full-led. Tuttavia, il vero salto in avanti è all’interno, dove vince la causa del “minimalismo digitale”: via la maggior parte dei tasti fisici, rimpiazzati da un display lcd da 10,25” per la strumentazione abbinato a un touchscreen da 10,7” per il sistema infotelematico connesso.

Inoltre, sul bracciolo centrale c’è un inedito pannello di controllo da cui si gestisce il cambio, il sistema audio, le modalità di guida e l’avviamento. Sotto al bracciolo è presente un generoso portaoggetti, davanti al quale figurano altri vani e portabicchieri, oltreché il sistema di ricarica per lo smartphone. A richiesta i sedili con funzione massaggiante, il sistema di illuminazione ambientale, il tetto panoramico in vetro e il sistema audio by Harman Kardon. Il vano di carico ha una una capacità che oscilla fra 470 a 1.455 litri per le versioni 218i e 218d e 415-1.405 litri per le varianti elettrificate 220i e 223i. Di serie l’apertura elettroattuata del portellone.

Veniamo ai propulsori: quelli dotati di tecnologia mild hybrid 48 V (con motore elettrico da 19 Cv integrato nel cambio) sono il 2 litri da 218 Cv della 223i e il tre cilindri 1.5 da 170 Cv della 220i. Segue la 218i con il tre cilindri benzina 1.5 da 136 Cv, con logica di combustione migliorata, e chiude il lotto il turbodiesel della 218d, un 4 cilindri, 2 litri da 150 Cv. Tutti i modelli sono disponibili di serie con cambio doppia frizione a sette rapporti. Mentre nel corso del 2022 esordiranno due modelli ibridi plug-in a quattro ruote motrici, da 245 e 326 Cv di potenza, capaci di percorrere fino a 80 km in modalità di marcia 100% elettrica.

E siccome il motto di BMW è ancora “piacere di guidare”, i tecnici tedeschi hanno lavorato per incrementare la precisione di sterzo, la trazione e la stabilità del veicolo. Per i più esigenti, poi, ci sono pure le sospensioni adattive con altezza da terra inferiore di 15 millimetri. Fanno parte del corredo (di serie o a pagamento) dedicato alla sicurezza il cruise control adattivo, il sistema di mantenimento attivo della propria corsia di marcia, la frenata automatica di emergenza con riconoscimento dei pedoni e l’Head-Up display, che proietta le principali informazioni di guida sul parabrezza, nel campo visivo del guidatore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jeep Grand Cherokee, la nuova generazione è anche ibrida ricaricabile

next