di Raffaele Garbellano

La divergenza esplicita delle due anime della Lega a cui stiamo assistendo in questi giorni non ci deve sorprendere. O meglio: non ci deve sorprendere il fatto che le due anime coesistano. È così da sempre nella Lega post Bossi-Maroni. Le due componenti coesistono perché hanno bisogno l’una dell’altra.

La prima, l’anima liberista e votata alla deregulation, rappresenta da sempre il popolo dei piccoli e medi imprenditori, soprattutto nel Nord Est. Pragmatica e spesso vicina all’establishment. È la corrente rappresentata oggi da Giancarlo Giorgetti. Essa vivrebbe di luce propria ma non sarebbe sufficiente al consenso socialmente trasversale e su estensione nazionale. Quindi ha bisogno dell’altra anima: quella identitaria e popolare che si è progressivamente “evoluta” in senso sovranista, nazionalista, esterofobica.

Questo secondo complesso ideologico ha permesso alla Lega di crescere dal 4% al 30% in pochi anni. Tuttavia, la crescita non sarebbe potuta avvenire senza la prima componente, quella liberista. È proprio questa componente, più vicina al potere economico, che ha permesso a Matteo Salvini di poter fare la scalata vertiginosa. Le istanze anti-euro, nazionaliste e spesso razziste non sarebbero state tollerate dall’opinione pubblica senza la tolleranza dell’establishment, e quindi la stampa probabilmente non avrebbe loro dato rilievo. È come se il favore di gruppi di potere economico verso l’anima liberista della Lega rendesse tollerabili le uscite sopra le righe di Salvini. Non a caso l’ascesa di quest’ultimo è avvenuta nel periodo renziano. Quasi fosse l’antagonista perfetto, ma comunque tollerabile, all’uomo dell’establishment per eccellenza. I due Matteo, appunto.

La stessa sorte favorevole non è toccata per esempio a movimenti di estrema destra, come Casa Pound e Forza Nuova. Questi negli stessi anni hanno sostenuto istanze molto simili, ma non hanno goduto dello stesso megafono mediatico e sono rimaste relegate al limbo extra parlamentare e minoritario.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Tre addii a Forza Italia per passare alla Lega: con Salvini anche il presidente del Consiglio regionale della Lombardia

next
Articolo Successivo

Salvini non fa più paura

next