Diverse migliaia di persone hanno partecipato a una manifestazione di fronte al parlamento sloveno nel centro di Lubiana per protestare contro la nuova stretta sul green pass decisa dal governo. Da ieri infatti, secondo quanto riportato dalla tgr del Friuli Venezia Giulia, chi è privo della certificazione non può più accedere agli uffici pubblici, né ai centri commerciali e neanche ai benzinai. L’accesso sarà consentito a tutti i negozi di prima necessità fuori dai centri commerciali e agli ospedali solo per i casi di emergenza.

Nel corso della manifestazione si sono verificati diversi incidenti: i dimostranti hanno chiesto a gran voce le dimissioni del governo del premier conservatore Janez Jansa, lanciando fiaccole contro l’edificio del Parlamento e le forze di polizia che sono riuscite a contenere gli eccessi. La polizia ha arrestato nove persone dopo gli scontri: negli incidenti sono rimasti feriti sette agenti e un manifestanti. Anche dopo la manifestazione, alla quale hanno partecipato diverse migliaia di persone, un gruppo di dimostranti estremisti è tornato sulla piazza per lanciare cubetti di granito, bottiglie e fumogeni verso la sede del parlamento e gli agenti che la proteggevano.

video Twitter/ Lee S Dryburgh

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Niente sussidi di disoccupazione a chi rifiuta un lavoro per il quale serve il vaccino”: la linea dura dell’Austria contro i no vax

next
Articolo Successivo

Terrorismo, ucciso da un blitz francese il leader dello Stato islamico nel Grande Sahara

next