Un operaio è morto sul ghiacciaio Presena: è rimasto schiacciato da un macchinario vicino degli impianti di risalita. Trasportato con l’elicottero del 118 all’ospedale S. Chiara di Trento, è deceduto in seguito ai gravi traumi riportati. La vittima (Giovanni Delpero, 58 anni) era residente a Vermiglio, in val di Sole. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, l’uomo stava svolgendo lavori di manutenzione sul tetto della stazione d’arrivo della cabinovia Paradiso-Presena a quota 2.500 metri. Per cause da accertare è rimasto schiacciato dall’ingranaggio dell’impianto. Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, Delpero stava lavorando alla stazione di arrivo dell’impianto quando ha sbattuto contro una cabina, ha perso l’equilibrio ed è finito schiacciato proprio dalla cabina stessa.

L’allarme è stato lanciato dai colleghi di lavoro ma per l’operaio non c’è stato nulla da fare e i soccorritori non hanno potuto fare altro che accertare il decesso. Il 58enne era addetto dell’impianto da oltre 30 anni. I rilievi sono stati effettuati dai carabinieri della stazione di Vermiglio e un’istruttoria è stata aperta dall’Unità operativa prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (Uopsal) di Trento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non si trovano lavoratori? I dati Istat: nel settore ospitalità e ristorazione il tasso di posti vacanti è sotto i livelli pre Covid

next
Articolo Successivo

È ai lavoratori invisibili che oggi devono guardare gli enti che si occupano di sicurezza

next