È partito nel pomeriggio l’ultimo volo dell’Aeronautica da Kabul. A bordo, oltre ai militari e ai carabinieri del Tuscania, anche il diplomatico Tommaso Claudi e l’ambasciatore Stefano Pontecorvo, Alto rappresentante civile della Nato. In serata a Fiumicino altri due arrivi. In tutto sono state “evacuate 5.011 persone di cui 4.890 cittadini afghani, tra di loro 1.301 donne e 1.453 bambini. Le Forze Armate italiane hanno svolto un eccezionale lavoro garantendo il ponte aereo che ha portato in Italia un numero di persone ben oltre superiore a quello previsto inizialmente” ha sottolinea il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. Con il decollo da Kabul dell’ultimo C-130J, ha lasciato l’Afghanistan anche la Joint Evacuation Task Force che dal 13 agosto ha gestito sul campo le operazioni di evacuazione. Si conclude così ufficialmente l’impegno ventennale delle Forze Armate italiane nel Paese asiatico. “Abbiamo fatto il massimo“, assicura il generale Luciano Portolano, comandante del Covi, il Comando operativo di vertice interforze

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato a Kabul, il racconto dall’ospedale di Emergency: “Arrivati 62 feriti, molti di loro avevano lo sguardo assente”

next
Articolo Successivo

Svezia, le dimissioni del premier Stefan Löfven. Ecco perché il passo indietro del socialdemocratico non è per colpa del Covid

next