C’è attesa per il sì di Beatrice Lorenzin: circola da giorni il suo nome come potenziale capolista per Roberto Gualtieri sindaco di Roma. L’ipotesi è molto apprezzata dal Nazareno, data la vicinanza con il segretario Enrico Letta. Deputata ed ex ministra della Salute nei governi Renzi e Gentiloni, la parlamentare si è presa del tempo per riflettere, ma fra gli ambienti democratici trapela ottimismo.

Il nome della Lorenzin era circolato già nelle scorse settimane insieme a quello della storica esponente romana Silvia Costa, ma ora sembra che le probabilità siamo più alte per l’ex ministro della Salute. La dem sarebbe quindi chiamata a trainare e a capitanare la lista del Pd in queste amministrative, affiancando così Gualtieri nella corsa. Gualtieri ha già ottenuto l’appoggio di Gianni Battistoni, presidente dell’Associazione via Condotti, candidato per la lista civica, e di Ubaldo Righetti, schierato nelle liste dem. Campione d’Italia 1982-83 nella Roma di Niels Liedholm, Righetti è oggi opinionista sportivo in radio e tv locali e nazionali.

A Roma, oltre alle comunali del 3-4 ottobre, si voterà anche per le suppletive, nel collegio uninominale della Camera di Roma-Primavalle. Il seggio è rimasto vacante dopo la nomina ottenuta da Emanuela del Re, deputata del M5s, come Rappresentante Permanente della UE per il Sahel. In lizza per il Pd, ad oggi, emergono due nomi: quello di Cecilia D’Elia, portavoce della Conferenza nazionale delle democratiche, componente della segreteria nazionale del Pd con delega alle politiche di parità, e quello di Massimiliano Smeriglio, eurodeputato indipendente eletto con il Partito Democratico, esponente dell’area progressista di sinistra della coalizione. Smeriglio, eurodeputato eletto tra le fila dem, già in passato si era avvicinato al Partito Democratico con il progetto ‘Piazza Grande’, ma non vi è mai entrato ufficialmente. Inoltre Smeriglio oggi fa parte della coalizione che appoggia Gualtieri con il movimento ‘Liberare Roma’, aderendo alla lista ‘Sinistra civica ecologista’.

Sul fronte del Movimento Cinque Stelle, anche Virginia Raggi inizia ad accelerare. La sindaca uscente ha presentato ‘Roma Ecologista’ insieme ad Alfonso Pecoraro Scanio, sostenitore e promotore della lista, che oggi ha ribadito il suo appoggio incondizionato alla sindaca uscente: “Tra i candidati sindaci presenti credo che la Raggi sia stata quella che più ha dimostrato attenzione al Green New Deal di Jeremy Rifkin. Sono contento di sostenere questa lista ecodigital. Spero che si possano affrontare le emergenze che ci sono con più determinazione”, ha detto l’ex ministro, oggi presidente della Fondazione Univerde.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato a Kabul, per l’intelligence di Usa e Regno Unito è stato l’Isis ma Salvini dà la colpa ai Talebani solo per attaccare Pd e M5s

next
Articolo Successivo

Durigon finalmente fuori dal governo. Il sottosegretario si dimette 22 giorni dopo le parole sul “parco Mussolini”. Il passo indietro dopo il colloquio con Salvini

next