La ricerca per comprendere e conoscere sempre di più Covid fa un altro passo avanti. Sono stati scoperti gli autoanticorpi che determinano i casi più gravi di malattia da Sars Cov 2. Gli Spedali Civili di Brescia e l’Università degli Studi di Brescia hanno collaborato alla ricerca internazionale che ha permesso di individuare uno dei meccanismi fondamentali alla base dei casi più gravi di malattia da Covid-19: una scoperta dalle potenziali ricadute diagnostiche e terapeutiche.

Nel marzo 2020, durante i primi mesi della pandemia causata dal coronavirus, quando si cercavano disperatamente delle armi da usare contro un nemico che aveva colto alle spalle l’intera popolazione mondiale, è nato un gruppo di scienziati italiani e americani il cui unico obiettivo era quello di studiare le cause dell’estrema variabilità della malattia da Sars-CoV-2. Questo gruppo fa capo a 3 grandi istituti di ricerca, rinomati a livello mondiale nel panorama della ricerca e della salute pubblica, quali il National Institute of Health (NIH) di Washington, la Rockefeller University di New York e l’Università di Parigi e in cui l’Italia ha preso parte insieme ad altre 38 nazioni. Tra i gruppi italiani, l’Asst Spedali Civili di Brescia e l’Università di Brescia sono stati tra i protagonisti insieme ad altri istituti tra cui Università di Milano-Bicocca, Irccs Ospedale San Raffaele, Milano, Asst Ospedale San Gerardo di Monza e Fondazione Irccs Policlinico San Matteo di Pavia.

Gli ultimi risultati di questo gruppo internazionale sono stati riassunti in due lavori scientifici pubblicati sulla rivista Science Immunology. La ricerca ha permesso di analizzare campioni di oltre 40mila soggetti provenienti da tutti i continenti, portando ad identificare un particolare gruppo di anticorpi che determinano un decorso più severo di Covid-19. Questi autoanticorpi neutralizzano gli interferoni di tipo I, che sono tra le molecole più importanti della risposta immunitaria, compresa quella che viene indotta dall’infezione da Sars-CoV-2. Nella popolazione generale, la prevalenza di autoanticorpi anti-interferoni di tipo I nel sangue raddoppia dopo i 65 anni e circa il 20% di tutti i casi fatali di Covid-19 sono associati alla presenza di questi autoanticorpi neutralizzanti. Questa scoperta potrebbe avere delle immediate ripercussioni in ambito diagnostico e terapeutico. Il riconoscimento precoce di questi autoanticorpi soprattutto nella popolazione degli anziani e nei soggetti che presentano già mutazioni che alterano il normale funzionamento del sistema immunitario potrebbe permettere nel prossimo futuro l’identificazione dei pazienti più a rischio e aprire le porte a nuovi approcci terapeutici basati sull’utilizzo di anticorpi monoclonali.

In caso di infezione, sono i soggetti con autoanticorpi anti-interferoni di tipo I che dovrebbero essere prontamente ricoverati per assicurare una precoce gestione della clinica associata al Covid-19 e sono sempre i soggetti con autoanticorpi che dovrebbero avere la più alta priorità nella vaccinazione. Un’altra importante ripercussione si avrebbe nella donazione di sangue e plasma di soggetti guariti dal Covid-19, perché tutti gli emocomponenti in cui si rileva la presenza di autoanticorpi dovrebbero essere esclusi dalla donazione. Il contributo di Brescia allo studio è consistito nell’identificazione e caratterizzazione dei pazienti Covid-19 e nella raccolta del materiale biologico residuo dei prelievi dei pazienti Covid-19.

Lo studio su Science Immunology

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, lo studio: “Così alti livelli di interferoni favoriscono il controllo del virus con un rischio minore per chi si contagia”

next
Articolo Successivo

Covid, finalmente pare si possano usare i criteri medico legali per definire meglio i dati

next