In attesa della riunione della Bce in programma per giovedì, il ritmo di ripresa delle economie europee tende a rallentare. L’indice di fiducia dei direttori acquisti (Pmi) manifatturiero nell’area dell’euro, indagine periodica di Ihs Markit che dà il polso delle aspettative degli addetti ai lavori, ad agosto è sceso a 61,5 punti da 62,8 punti a luglio. Si tratta del livello più basso registrato negli ultimi sei mesi.

Il dato per l’Italia arriverà solo per venerdì: per ora, a trascinare l’indicatore verso il basso sono Francia e Germania. Per Parigi il Pmi manifatturiero è in calo a 57,3 da 58 della passata lettura e da 57,2 del consensus Bloomberg. Quello dei servizi è sceso a 56,4 dal precedente 56,8 rispetto al consensus Bloomberg pari a 56,3. In Germania invece il Pmi manifatturiero è sceso a sorpresa a 62,7 punti da 65,9 punti a luglio, ai minimi da sei mesi e 3 punti sotto rispetto alle stime. Pesano anche i colli di bottiglia della logistica: gli stabilimenti Volkswagen ripartiranno per esempio a rilento dopo la pausa estiva a causa della scarsità di microprocessori che ha colpito anche Toyota. L’impianto di Wolfsburg, il più grande al mondo e che impiega circa 60.000 persone, ripartirà con un solo turno presso tutte le sue linee di produzione e a orario ridotto, ha spiegato un portavoce della principale casa automobilistica europea.

In diminuzione anche l’indice Pmi manifatturiero della Gran Bretagna, che si attesta a 60,1 da 60,4 punti di luglio, toccando il livello più basso da marzo. Il calo oerò è più contenuto di quello atteso degli analisti (59,5). Si riducono anche l’indice relativo ai servizi, che scende a 55,5 da 59,6 del mese precedente, e il Pmi composito, che si attesta a 55,3 punti (da 59,2).

Il rallentamento dell’indice manifatturiero non riguarda solo la Ue: si registrano diminuzioni anche in Australia (51,7 punti ad agosto contro i 56,9 punti precedenti) e Giappone (52,4 punti, in calo rispetto ai 53 punti precedenti). Siamo comunque al di sopra dei 50 punti, linea di demarcazione tra fase di contrazione dell’attività economica – valori al di sotto – e di espansione – valori al di sopra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Confindustria, Bonomi attacca il decreto Orlando-Todde: “Vogliono colpire le imprese”. Sul green pass: “Grave errore dei sindacati”

next
Articolo Successivo

Dal bonus occhiali e auto elettriche al kit digitalizzazione: gli incentivi annunciati restano sulla carta. Mancano i decreti attuativi

next