Più formali di così, gli auguri a Meghan Markle non potevano essere. Sui profili ufficiali della famiglia reale inglese, dalla Regina Elisabetta a William e Kate passando per il principe Carlo e Camilla, è tutto uno striminzito «felice 40esimo compleanno alla Duchessa di Sussex!». Poche parole e molto regimental, nessuna concessione alla festeggiata se non il titolo di Duchessa rimarcato sui social come a smentire che sua Sua Maestà voglia davvero sottrarlo all’amato nipote e alla (molto meno amata) moglie. Almeno per ora. Perché quando c’è di mezzo Meghan tutto diventa altamente imprevedibile, dalle grandi scelte di vita – come quella di mollare la Royal Family in diretta globale via Instagram – ai dettagli secondari come la sua festa di compleanno.

IL MISTERO DEL PARTY PER I 40 ANNI DI MEGHAN MARKLE
Da settimane si rincorrevano infatti voci di ogni tipo sulla festa hollywoodiana che Meghan Markle avrebbe voluto organizzato per festeggiare, il 4 agosto, i suoi primi quarant’anni. I tabloid inglesi avevano raccontato di un evento fastoso con 65 invitati, tutti rigorosamente vip, organizzato da Colin Cowie (il party planner di Oprah Winfrey, grande amica di Meghan). Invece, fa sapere l’informatissimo Page Six, niente ricchi premi e cotillon: i Sussex festeggeranno sì, ma in famiglia e con pochi intimi nella mega villa da 14 milioni di dollari, a Montecito. Poi il principe Harry calerà l’asso: una vacanza a sorpresa in una località top secret organizzata per lei e i due figli, Archie, 2 anni, e Lili, nata da pochi mesi. Che per loro sia iniziato un nuovo corso o semplicemente la coppia ha bisogno di un po’ di detox dai riflettori dopo l’abbuffata dell’ultima anno e mezzo? Qualcosa è cambiato, tanto che Meghan e Harry hanno persino declinato l’invito alla mega festa per i 60 anni di Barack Obama – anche lui li compie il 4 agosto – che nel prossimo fine settimane nella tenuta di Martha’s Vineyard ospiterà 700 persone, da George Clooney a Tom Hanks.

FENOMENOLOGIA DELLA MARKLE, NATA PER STARE SOTTO I RIFLETTORI
E proprio la scelta di non partecipare al compleanno di Obama ha colpito i commentatori. Perché se c’è un’occasione per stare sotto i riflettori e per coltivare connection e relazioni prestigiose, Meghan Markle difficilmente se la fa scappare. Non lo ha mai fatto, nemmeno quando era un’attrice esordiente e ottenne qualche piccolo ruolo grazie ai contatti del padre Thomas Markle, professione direttore della fotografia negli studios di Hollywood, con cui non ha più rapporti da anni. Meghan ha sempre voluto essere protagonista e si è sempre mossa con grande intelligenza (e anche astuzia, dicono) per ottenere ciò che voleva. Che si trattasse di un ruolo in una serie tv o di vivere una storia d’amore da favola e da copertina, il metodo era lo stesso: essere pronta a cogliere tutte le opportunità con sfacciata determinazione. O arrivando a litigare con registi e sceneggiatori, fino ad ottenere il ruolo di Rachel in Suits, che le garantì un cachet da 400 mila euro l’anno. Ma non le bastava e così divenne anche una blogger, imponendosi come una delle prime guru del benessere grazie al suo sito, dove dispensava consigli di ogni tipo e incassava investimenti pubblicitari.

DAL DIVORZIO VIA POSTA ALL’INCONTRO CON HARRY
La Markle è stata infatti una delle prime attrici-influencer, un ibrido che le procurò in pochi anni una discreta popolarità, le frequentazioni giuste per consolidare la sua posizione sociale e la voglia di fare il grande salto. Così mollò il primo marito, il produttore Trevor Engelson (si dice per corrispondenza, spedendogli indietro l’anello di fidanzamento e la fede) e frequentò un famoso chef di Toronto. Poi nel 2016, quando era di nuovo single, l’incontro che le ha cambiato per sempre la vita: di passaggio a Londra, l’amica stilista anglo-irachena Misha Nonoo le organizzò un incontro a sorpresa con Harry d’Inghilterra (che conobbe grazie all’ex marito) e nella Soho House della capitale scoppia il colpo di fulmine tra i due. O meglio, il primo a manifestare interesse fu il principe mentre lei, più reticente, ci mise un po’ a cedere al corteggiamento reale ma un mese dopo però eccoli volare in Botswana per festeggiare i 35 anni di lei. Ci vorrà invece più di un anno perché la nuova coppia esca ufficialmente allo scoperto: lo fanno nell’autunno del 2017, mano nella mano agli Invictus Game di Toronto. Un mese dopo arrivò il consenso della Regina alle nozze.

IL MATRIMONIO SHOW E LO STRAPPO CON LA REGINA
Il resto è storia nota, dalle prime frizioni tra Harry e William, che invita il fratello ad essere più cauto e non nasconde i dubbi davanti a certi atteggiamenti dalla futura moglie, che a corte viene vista con sempre maggiore sospetto. Lo stile hollywoodiano non piace nemmeno ad Elisabetta II, che però per amore dell’amato nipote e per tenere unita la famiglia tenta ogni tipo di mediazione ma poi sbotta quando Harry bistratta Angela Kelly a pochi giorni dalle nozze: la stylist e soprattutto amica fidatissima della Sovrana impedì infatti al principe di prendere senza l’autorizzazione della Regina una tiara che la Markle avrebbe voluto indossare alle nozze. Un incidente diplomatico durante il quale Harry avrebbe pronunciato la celebre frase «tutto ciò che Meghan vuole, Meghan ottiene». Tutto, ma non proprio tutto. Tanto che il rigidissimo protocollo di corte, i tesissimi rapporti familiari, il pressing dei media, il ruolo e il confronto crescente con la «nemicamatissima», la cognata Kate Middelton, e l’ipotesi di vedersi sempre relegata al secondo o terzo posto nelle occasioni ufficiali, hanno innescato il Megxit e l’uscita progressiva di Harry e Meghan dalla Royal Family. Il resto, dalla clamorosa intervista all’amica Oprah Winfrey ai contratti milionari con Netflix, è storia nota. Meghan ha ripreso in mano la sua vita e oggi, a 40 anni, è lei a decidere come giocarsi il suo futuro sotto i riflettori: e chi la conosce bene dice che abbia in serbo altre clamorose sorprese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Argentero replica al giornalista inglese che ha attaccato Marcell Jacobs: “Lo sai come le chiamiamo le persone come te?”

next
Articolo Successivo

Walter Zenga si vaccina per la terza volta a Dubai: “Con il green pass tornerò in Italia a seguire il mio amato calcio”

next