Primo calo della produzione industriale italiana dopo 5 mesi. Lo scorso maggio, comunica l’Istat, l‘indice che misura l’attività delle nostre fabbriche è arretrato dell’1,5% rispetto ad aprile. Il confronto su base annu segna ancora un forte incremento (+ 21%) ma è poco significativo visto che nel maggio 2020 il paese era ancora in lockdown. Mese su mese quasi tutti i comparti sono in flessione. Fanno eccezione la farmaceutica (+ 2,4%), alimentari e bevande (+ 0,3%) e legno/carta (+ 0,1%).

I cali peggiori riguardano i mezzi di trasporto (- 4,6%), dove probabilmente impattano i problemi della filiera auto a livello internazionale causati da penuria di semiconduttori e metalli, oltre a tessile e abbigliamento (- 2,8%) e meccanica (- 1,5%). Merocledì scorso la produzione industriale tedesca aveva sorpreso in negativo gli osservatori segnando un calo del , principalmente a causa del forte rallentamento dell’industria automobilistica.

L’Istat oggi ha diffuso anche la nota mensile sull’andmanento complessivo dell’economia tra maggio e giugno in cui si sintetizzano i riscontri ottenuti dalle varie rilevazioni. “Il progresso delle campagne vaccinali e le politiche di sostegno ai redditi di famiglie e imprese continuano a trainare la ripresa internazionale. Ad aprile, il commercio mondiale di merci in volume è ancora in espansione seppure con ritmi più contenuti”, scrive l’Istituto di statistica. In Italia, prosegue il recupero dell’attività economica che è atteso estendersi anche ai servizi. Nel mercato del lavoro, si legge ancora nella nota, si sono rafforzati i segnali di miglioramento dell’occupazione, trainata prevalentemente da quella a tempo determinato. Le attese sull’occupazione da parte delle imprese mantengono un profilo espansivo.

A giugno, prosegue la spinta dei prezzi dei beni energetici sull’inflazione che rimane comunque sui livelli del mese precedente. Le prospettive per l’economia italiana, conclude l’Istat, si mantengono particolarmente favorevoli e sono confermate dalla decisa ripresa della fiducia di consumatori e imprese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La carenza di semiconduttori e materie prime frena l’industria tedesca (- 0,3%). Cina pronta ad annuncio tassa export acciaio

next
Articolo Successivo

Mediaset chiude l’accordo con i francesi di Vivendi. Fininvest dopo 16 anni ha di nuovo la maggioranza di Cologno

next