“Non dimentichiamo il ponte di Genova ricostruito in due anni con un cantiere che ha lavorato giorno e notte anche in piena pandemia, noi siamo chiamati a costruire il nostro ponte di Genova della giustizia“. Così la ministra della Giustizia Marta Cartabia intervenendo al Palazzo di Giustizia di Milano per presentare l’Ufficio del processo e iniziando il suo “viaggio” nei distretti delle corti d’appello italiane. “Gli obiettivi sono davvero impegnativi – ha aggiunto- in 5 anni dobbiamo abbattere del 25% i tempi dei procedimenti penali rispetto al 2019 e dobbiamo abbattere del 40% i tempi di definizione del processo civile”.

La ministra ha quindi ricordato che gli investimenti previsti dal Pnrr, sono sintomi “della consapevolezza di come la giustizia sia un pilastro per il funzionamento dell’intero Paese“. “Una giustizia che arranca, che non sempre riesce a garantire risposte certe e giuste e tempi certi e giusti, diventa l’immagine di un Paese che non cresce – ha incalzato – e per tutto questo non appetibile per gli investitori stranieri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giustizia, la ministra Cartabia: “Noi chiamati a costruire il nostro ponte di Genova. Abbattere del 25% i tempi dei processi in 5 anni”

next
Articolo Successivo

Agenti arrestati per violenze sui detenuti, il gip: “Orribile mattanza”. La chat dei poliziotti: “Li abbattiamo come vitelli. Domate il bestiame”

next