“In tanti mi dicono che sono stata molto fortunata a crescere con due genitori astrofisici. Io, in generale, rispondo che nell’astrofisica sono caduta dentro troppo piccola, come Obelix nella pozione magica di Panoramix”. A scrivere queste parole è Giulia Bignami, 31enne, laureata in chimica e autrice di “La zattera astronomica. Come sopravvivere a un papà scienziato” (Baldini + Castoldi). Sulla copertina viene presentato come un romanzo ma forse questo libro è qualcosa di più: una sarcastica biografia con un tocco di saggistica, quanto basta.

Figlia dell’astrofisico Nanni Bignami e della scienziata Patrizia Caraveo, Giulia, racconta di un’infanzia incredibile, a volte traumatica, spesso fantastica. L’autrice fin dalle prime pagine ci fa capire quanto la sua vita sia stata immersa nell’avventura: “Ho partecipato – scrive Giulia – a tante imprese “da signorine”, esposta a, in ordine sparso, piogge torrenziali in mezzo al nulla riparati sotto i cavi del telefono, ortiche perfide, tafani assassini, scivolate giù per i sentieri fatti dai cinghiali e incontri troppo ravvicinati con bestie varie: cinghialessa con famigliola di cinghialini, tacchini e oche”.

Un’esistenza quella della giovane scrittrice, oggi ricercatrice in Scozia, trascorsa tra noiose cene con astronauti e “premi Nobel in sopportabili”. Le pagine del libro scorrono velocemente tra gli aneddoti che riguardano suo padre a partire dalla sua passione per i formaggi sui quali l’astrofisico compiva un “processo di mummificazione”. Giulia, narra la vita di papà con gli occhi di una bambina che stenta a capire molte cose. “Durante il nostro soggiorno romano – racconta la giovane chimica -, sono stata portata diverse volte a eventi dell’Accademia dei Lincei, uno più palloso dell’altro”.

Ed è lì che Giulia, fa strani incontri: da Rita Levi Montalncini “che mio padre diceva di essere tenuta insieme dalla lacca dei capelli” al professor Villaggio, il fratello di Paolo: “Se gli parli – le disse papà – mi raccomando chiamalo professor Villaggio, mai fratello di Fantozzi”. E sul finale del libro, superata la centesima pagina, l’autrice si lascia andare a qualche soddisfazione: “Certamente avere due genitori scienziati è stata una fortuna: ho ereditato e sono cresciuta in una visione scientifica del mondo, che è l’unica vera e quindi, per definizione, la migliore che si possa insegnare a una figlia”.

L’ultimo capitolo, infine, è una sorpresa perché Giulia ci svela un’altra passione di papà, forse inimmaginabile per chi non lo conosceva: la poesia: “La passione di mio padre per le poesie era tale che, per ogni grande evento familiare, bisognava sempre averne una pronta. E, quando ero piccola, detestavo questa cosa. Andava sempre a finire che me le faceva imparare a memoria e poi dovevo recitarle in piedi su una sedia in una stanza piena di gente che mi guardava”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Pitture”, la mostra personale dedicata a Pier Paolo Calzolari a Milano a partire dal 24 maggio

next
Articolo Successivo

Una inedita sceneggiatura di Gesualdo Bufalino sulla leggendaria Donna Franca Florio

next