I funerali di Franco Battiato, privati come desiderava ma non senza la famiglia, gli amici e chi lo amato. A Milo, provincia di Catania, nella cappella privata di Villa Grazie ci sono la nipote Grazia e il fratello Michele. Poi gli amici musicisti: Carmen Consoli, Alice, Giovanni Caccamo e Yuri Camisasca, Luca Madonia. E c’è il sindaco di Milo, Alfio Cosentino insieme a quello di Riposto, paese dove il maestro è nato. “La sua bandiera era la ricerca, la sperimentazione. In un’epoca di indifferenza lui non si rassegnava, voleva vivere e cercare ancora. La sua parola più eloquente? Il silenzio. Dovremmo metterci tutti in cammino come lui, per trovare la bellezza”, le parole di padre Orazio Barbarino, che ha celebrato i funerali. Quando il feretro esce dalla cappella della dimora dove il cantautore ha vissuto, i familiari sono accolti dagli applausi di chi è rimasto fuori ad aspettare di poter dare un ultimo saluto. E i fiori o i biglietti posati davanti alla casa sono tanti, un addio al maestro tanto amato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Whatsapp, arriva la modalità a scomparsa. Ecco di cosa si tratta

next
Articolo Successivo

Piroso: “Rula Jebreal lavorò a La7 e non ebbe problemi ad aggregarsi a una rete di uomini, bruciando le tappe”

next