Io penso che le telecamere non si staccano, che a una piazza un artista a sua scelta può dire quel che vuole, poi ne pagherà le conseguenze. Mi dispiace ma non sono d’accordo con Pippo Baudo (il conduttore ha detto che avrebbe staccato le telecamere a Fedez, ndr). Bisogna crescere un po’ tutti. Fedez dice una cosa sbagliata? Ecco si discuta sulla cosa sbagliata che ha detto. Ma poi tutto sul decreto legge Zan, riempiamo le piazza su una banalità. Vi ricordate quel film “In Viaggio con papà”, Verdone e Sordi?… Ognuno deve essere libero di amare chi gli pare“. Queste le parole di Maurizio Costanzo, ospite al talk Programma condotto da Claudia Rossi e Andrea Conti su FQMagazine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maurizio Costanzo: “Quando smetterò di avere curiosità per l’ospite che ho davanti, smetterò di fare questo lavoro”

next
Articolo Successivo

Whatsapp, da oggi 15 maggio entrano in vigore i nuovi termini di utilizzo: ecco cosa cambia e cosa succede se non si accettano

next