Ha aggredito a scuola con un coltello da cucina una sua compagna di dodici anni, Maria (nome di fantasia), che è finita all’ospedale con ferite da taglio alle braccia e al viso. E a chi l’ha tirata fuori dal bagno dove si era barricata, Giusy (nome di fantasia), 14enne ipovedente, ha detto: “Volevo uccidere qualcuno”. L’episodio è avvenuto lunedì 10 maggio in una media di Enna e la ragazza, spiega il dirigente scolastico Filippo Gervas, “non aveva mai manifestato i segni di un malessere così profondo”.

“Non sappiamo quale sia la causa di questa aggressione – continua il preside – ma sappiamo di certo che non si tratta di bullismo, né mai la ragazza aveva manifestato aggressività nei confronti dei compagni “. Le due ragazzine non si conoscevano e non avevano mai scambiato una parola. La 14enne, un po’ taciturna, proviene da una famiglia numerosa, cinque figli. A scuola le avevano dato l’insegnante di sostegno. Lunedì, poco dopo le 9, Giusy ha incontrato Maria nel bagno della scuola e ha provato a colpirla, ripetutamente con un coltello che si era portata da casa, nascosto nel suo beauty. La 12enne ha provato a difendersi. Ha urlato, é caduta a terra, mentre la compagna la colpiva, ma è riuscita a scappare in corridoio e ad aprire la porta della classe più vicina al bagno.

“Non ho nulla contro questa ragazza – dice la mamma di Maria – Dico solo che mia figlia è traumatizzata. Continua a ripetere che sarebbe potuta morire, da sola, nel bagno della scuola“. Secondo la famiglia della vittima, nei paraggi del bagno non c’era nessuno, ma il preside ribatte che “un collaboratore scolastico e un alunno sono intervenuti perché a distanza hanno sentito le grida”. “Ferite da arma da taglio” recita il referto del pronto soccorso dell’ospedale Umberto I, dove la madre, chiamata subito dopo l’aggressione, ha portato la figlia.

“Sebbene l’isolamento e la pandemia abbiano notevolmente acuito le situazioni di disagio di tutti gli adolescenti, l’alunna coinvolta nell’atto di inspiegabile violenza, durante tutto il suo percorso di studi e anche nelle ultime settimane, non aveva dato nessun segno di malessere e squilibrio esternamente visibili – dice Filippo Ilardo, insegnante di Lettere di Giusy -. Si mostrava, anzi, propositiva, serena, nascondendo il vuoto che forse si portava dentro. Era molto legata agli insegnanti con i quali stava preparando un bellissimo approfondimento sull’adolescenza, occupandosi anche della storia del brutto anatroccolo che, alla fine, si trasforma in cigno“. Ma quel cigno, forse, era troppo lontano da raggiungere per Giusy, che soffriva e covava, provata da una disabilità che la faceva sentire diversa. Dei fatti è stata informata la Procura della Repubblica di Enna e il Tribunale dei minori di Caltanissetta, che hanno attivato i carabinieri, i servizi sociale e il Dipartimento di psichiatria infantile. Giusy è ora ricoverata, provvisoriamente, in una struttura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“In questi ambulatori non esistono ‘signorine’, firmato Le Dottoresse”: a Frattamaggiore il cartello di protesta dei medici donna

next
Articolo Successivo

Scuola, le nostre classi sono pentole a pressione. Ecco cosa aiuterebbe davvero gli studenti

next