Una “città d’oro perduta” vicino a Luxor, a poca distanza dalla Valle dei Re. Il famoso egittologo Zahi Hawass ha annunciato la scoperta del più grande insediamento antico mai scoperto nel Paese dei Faraoni: una città chiamata Aton e risalente a circa 3mila anni fa, rimasta per millenni nascosta sotto la sabbia del deserto egiziano e che oggi il team di archeologi ha riportato alla luce. Un ritrovamento, secondo gli esperti, tra i più importanti della storia da quello che svelò al mondo la tomba di Tutankhamon. “La missione egiziana guidata dal dottor Zahi Hawass ha trovato la città che era andata perduta sotto la sabbia – ha riferito il team di archeologia – La città ha 3mila anni, risale al regno di Amenhotep III e continuò a essere abitata da Tutankhamon e Ay”.

Secondo Betsy Bryan, professore di arte e archeologia egizia alla Johns Hopkins University, il ritrovamento è “la seconda scoperta archeologica più importante dalla tomba di Tutankhamon”. Sono stati portati alla luce gioielli come anelli, vasi di ceramica colorata, amuleti dello scarabeo e mattoni di fango recanti i sigilli di Amenhotep III. Hawass, ex ministro delle Antichità, ha dichiarato: “Molte missioni straniere hanno cercato questa città e non l’hanno mai trovata”. Il team ha iniziato gli scavi nel settembre 2020, tra i templi di Ramses III e Amenhotep III vicino a Luxor, 500 chilometri a sud della capitale Il Cairo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astrazeneca, Cts (Aifa): “Non segnalati segnali di rischio per trombosi per vaccini a Rna messaggero”

next
Articolo Successivo

Astrazeneca, lo studio sulle trombosi dei ricercatori tedeschi. L’ipotesi che il Dna libero nel vaccino scateni anticorpi insoliti e reattivi

next