Proprio a me” segna il debutto di Selvaggia Lucarelli nel mondo del podcast con una produzione Chora Media. Il filo conduttore dei sei episodi di 30 minuti ciascuno con cadenza settimanale è la relazione tossica. Storie di amori sbagliati, relazioni che fanno stare male e che hanno annullato personalità e vita della vittima. Il primo appuntamento è stato “La mia storia” in cui Selvaggia racconta la propria esperienza personale: “ Tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo incontrato un amore sbagliato; una relazione che ci ha fatto stare male, che ci ha tolto l’ossigeno e la capacità di pensare razionalmente. C’è chi ne è uscito più forte, chi con un bagaglio di traumi e c’è chi sta ancora lottando per lasciare la propria relazione tossica alle spalle”. Un racconto forte e senza sconti che inizia con un messaggio sui social e prosegue con la convivenza, fino a rivelare la vera identità dell’uomo che poco a poco ha privato la protagonista del racconto della sua linfa vitale. Sono usciti gli altri due episodi “La seconda moglie” con al centro Federica, una donna adulta e indipendente che cederà a quella che crede sia una storia importante, e “Salva per miracolo” con Rita che ha vissuto per due anni con un uomo violento.

“Proprio a me” è disponibile gratuitamente su tutte le piattaforme di streaming audio: Spotify, Apple Podcasts, Spreaker Google Podcasts e su choramedia.com. Chora Media è la nuova Podcast Company italiana, fondata nel 2020 da Guido Brera, Mario Gianani e Mario Calabresi, che la dirige. L’obiettivo è quello di “dare voce ad una vasta gamma di narrative autentiche, attraverso un’unione non convenzionale di formati”, che si riflette anche su quello che sarà il catalogo che abbraccerà, intersecandoli, vari generi dall’attualità al crime, dal filone storico al talk. Selvaggia Lucarelli sarà ospite domani 8 aprile a Programma, il talk di FQMagazine condotto da Claudia Rossi e Andrea Conti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zlatan Ibrahimovic sotto accusa: “Ha ucciso personalmente un leone e tiene la testa e la pelle nella sua casa in Svezia”

next
Articolo Successivo

“Olesya Rostova non è Denise Pipitone”: la conferma dell’avvocato di Piera Maggio a Fanpage

next