Durante una passeggiata nei prati intorno a casa, ricchi di fiori appena sbocciati in primavera, aveva raccolto dell’aglio selvatico con l’idea di usarlo come condimento per la pasta. Peccato che, ingannato dall’aspetto assolutamente simile, ha raccolto anche il colchico d’autunno, un fiore molto simile allo zafferano ma altamente velenoso. Così, un uomo di 61 anni di Travesio (Pordenone), è morto avvelenato poche ore dopo aver ingerito il colchico, o croco, conosciuto anche come “zafferano bastardo”, “falso zafferano” o “arsenico vegetale”.

Il decesso è avvenuto all’ospedale di Pordenone dove era stato ricoverato da alcuni giorni. Secondo quanto ricostruito, la scorsa settimana l’uomo aveva fatto una passeggiata nei prati attorno a casa per raccogliere dell’aglio da impiegare come condimento per la pasta. Inavvertitamente, però, ha raccolto anche il “colchino d’autunno”, specie all’apparenza molto simile sia all’aglio selvatico che allo zafferano ma, a differenza di questi, è molto velenosa ed è in grado di uccidere un uomo in pochissimo tempo. “Il colchico d’autunno ha i petali color violetto e i pistilli arancio scuro che sembrano quelli dello zafferano, ma bisognerebbe sempre ricordare che lo zafferano vive nei paesi caldi e non in montagna. È una pianta tipica dell’area mediterranea e dell’Asia minore, non delle nostre montagne”, ha spiegato al Corriere della Sera la dottoressa Donata Favretto, professore di medicina legale e tossicologia dell’Università di Padova. “Basta un quantitativo piccolo, le classiche erbette per fare il risotto. Dieci milligrammi sono già una dose tossica, se non mortale“.

Dopo averla ingerita, l’uomo ha avvertito dolori tremendi, ma non ha chiesto immediatamente aiuto, essendo reduce del Covid e pensando che potesse essere un effetto collaterale tardivo. Il ritardo forse gli è stato fatale, perché quando è giunto in Pronto soccorso non è stato possibile il trasferimento al Centro anti-veleni considerate le condizioni generali già compromesse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I Soliti Ignoti, Simona Ventura fa una gaffe con Amadeus: “Io sono daltonico”. In studio cala il gelo

next
Articolo Successivo

Wanda Nara si sfoga contro la Dad dei figli: “Non ho neanche il tempo di pettinarmi e cambiarmi”

next