Alla vigilia della cerimonia di entrata in carica del nuovo presidente Mohamed Bazoum, molto vicino al capo di Stato uscente Mahamadou Issoufou, in Niger c’è stato il tentativo di un colpo di Stato per mano di alcuni militari, che sono poi stati arrestati.
“Questo gruppo di militari non si è potuto avvicinare al palazzo presidenziale dato che la Guardia presidenziale ha risposto”, ha riferito una fonte anonima alle agenzie, precisando che la situazione è ora sotto controllo. Il rivale di Bazoum, Mahamane Ousmane già alla guida del Paese dal 1993 al 1996, aveva contestato il risultato delle elezioni sostenendo di essere lui il vincitore.

Nella notte sono stati sentiti spari di “armi pesanti” vicino alla residenza presidenziale della capitale Niamey e successivamente i militari coinvolti sono stati arrestati. “Erano circa le 3 del mattino, abbiamo sentito colpi di armi pesanti e leggere per circa quindici minuti, poi tutto è finito”, ha detto un residente del quartiere di Plateau a Niamey che ospita gli uffici e la residenza presidenziale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati Uniti, migliaia di minori non accompagnati detenuti nel centro per migranti al confine con il Messico

next
Articolo Successivo

Covid, Londra firma un contratto per 60 milioni di dosi per vaccino Novavax. L’Ue ancora in trattativa da 3 mesi

next