Spillo Pro è uno dei monopattini portati in Italia da V-ITA Group, venduto in 9 colori, punta a soddisfare coloro che cercano un buon compromesso tra prezzo e prestazioni posizionandosi nella fascia media del mercato.

Sotto il “cofano” lo Spillo Pro arriva equipaggiato con un motore brushless da 350W che sulla carta gli permette di offrire una velocità massima di 20Km/h, ma nella nostra prova su strada abbiamo verificato che il piccolo monopattino di V-ITA Group può spingersi fino a 25 km/h. Il computer di bordo offre 3 modalità preimpostate che permettono di limitare la velocità massima rispettivamente a 15, 20 o 25 km/h a seconda delle necessità, permettendo di rispettare più facilmente sia le norme di buonsenso civico che quelle imposte dal codice della strada per questa tipologia di mezzo. Equipaggia una batteria al litio da 8Ah, in grado di garantire circa 21 Km di autonomia e che richiede per la ricarica completa tra le 2ore e 30min e le 4 ore.

Per lo Spillo Pro il produttore ha optato per ruote da 6,5” all’anteriore e da 5,5” al posteriore, potremmo dire nella media per un monopattino elettrico, ma forse un po’ piccoline se paragonate ad altri prodotti della medesima categoria; entrambe le ruote, vista anche la dimensione ridotta, sono prive di camera d’aria, ma dotate di piccolissimi ammortizzatori nella parte anteriore e di un sicuramente migliore ammortizzatore orizzontale al retrotreno, che aumentano drasticamente il confort rispetto ad un telaio rigido. Come per le ruote, sono diverse anche le scelte per i sistemi frenanti sulle due ruote: all’anteriore un freno elettrico dalla risposta immediata – consigliamo con questa tipologia sistema di fare un po’ di pratica di frenata per evitare bruschi stop al primo semaforo rosso -, mentre al posteriore troviamo un sistema flex fender, dovremo quindi usare il piede per fare pressione sulla ruota con il parafango, una tipologia old school nota certamente ai fan dei monopattini non elettrici, ma che richiede la giusta pratica rispetto ad un più immediato freno a disco tipico dei prodotti di fascia superiore.

Il telaio pieghevole pieghevole, come ormai quasi tutti i monopattini elettrici ci hanno abituati, è realizzato in alluminio il che lo rende leggero e maneggevole. Infatti grazie ai suoi 10,4 kg è facile da trasportare e le sue dimensioni ridotte permettono di allocarlo facilmente anche nel bagagliaio di una piccola utilitaria; il produttore indica una portata massima di 100 kg. Completano la dotazione dello Spillo Pro le luci LED, sia all’anteriore che al posteriore, ed il computer di bordo che vede il suo schermo posizionato nella parte centrale del manubrio utile per visualizzare le informazioni rapide sulla velocità di crociera, la modalità di velocità di punta – accennate sopra- selezionata, la percentuale di batteria a disposizione e l’icona di connessione Bluetooth; la connettività Bluetooth permette, come nella maggior parte dei monopattini di questa fascia, di sincronizzare lo Spillo Pro con l’apposita app per visualizzare sullo smartphone lo stato del mezzo e mantenerne traccia.

Purtroppo visto il periodo invernale non siamo riusciti a testare a pieno le capacità dello Spillo Pro come avremo voluto, non abbiamo quindi avuto la possibilità di stressarlo in prove ripetute la durata effettiva della batteria ed eventuali cambiamenti nella sua capacità dovuti ai molti cicli di ricarica. Siamo riusciti però a guidarlo nell’ambito della zona urbana di Milano e le caratteristiche dichiarate trovano riscontro nella realtà. Spillo Pro è un monopattino pratico e maneggevole, certamente in linea con i prodotti della medesima fascia, ci sarebbero piaciute delle ruote più grandi e un sistema frenante più performante, elementi che avrebbero sicuramente contribuito a farlo spiccare rispetto ai concorrenti.
In assenza di ciò, possiamo comunque dire che Spillo Pro si contraddistingue per la sua semplicità e il suo design elegante, che catturerà sicuramente il favore di molti potenziali acquirenti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi, coi futuri standard Euro 7 fine dello sviluppo di nuovi motori endotermici

next