Lo Tsunami Center americano ha esteso l’allerta tsunami a tutto il Pacifico, dopo il nuovo sisma di magnitudo 8.1 al largo della Nuova Zelanda. Si prevedono onde anomale verso Nuova Zelanda e Australia, le Hawaii, le isole Fiji, le Cook, Samoa, le coste della Colombia, dell’Ecuador, del Costa Rica, del Messico. Il potentissimo terremoto ha colpito la Nuova Zelanda, dopo altre due scosse di magnitudo 7.4 e 7.1. Il sisma si è verificato poco prima le nove del mattino vicino alle isole Kermadec.

La protezione civile ha esortato tutti gli abitanti della costa est di allontanarsi “immediatamente” dal mare e raggiungere località più in alto per evitare di essere travolti dalle acque in caso di tsunami. L’appello della National Emergency Management Authority ad addentrarsi il più possibile nell’entroterra o salire in aree più elevate è stato rivolto alla popolazione di Northland, East Cape e l’isola della Grande Barriera. I media locali segnalano persone in fuga dalle zone costiere del nord. Nell’area, a circa 1.000 km dalle coste della Nuova Zelanda, si registrano altre violente scosse in sequenza, l’ultima di 6.1.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Papa Francesco in Iraq, il viaggio nella terra di Abramo per la fraternità universale. “Voglio incontrare quel popolo che ha tanto sofferto”

next