Claudio Coccoluto non era “solo” un dj ma anche grafico, direttore artistico e imprenditore “artigiano” di fama internazionale, come amava definirsi. Si è spento a soli 58 anni (era nato il 17 agosto 1962) all’alba del 2 marzo nella sua casa di Cassino, dopo aver lottato contro la malattia per un anno, come riportato da Il Corriere della Sera. È stato tra i fondatori del famoso locale romano Goa, una bella vittoria per chi ha tentato la fortuna nella Capitale trasferendosi dalla natia Gaeta, in provincia di Latina. Poi la cultura del club e la credibilità accumulata in 40 anni di carriera, tanto che è stato anche invitato dal mondo del “pop” al Festival di Sanremo per fare il giurato per ben tre volte. Tredicenne inizia alla radio, poi sarà anche speaker a Radio Deejay, per poi approdare al mondo del clubbing approda nei ruggenti Anni 80, voluto dallo storico dj Marco Trani a sostituire Corrado Rizza. Da lì la sua fortuna internazionale. Curioso, visionario e difensore dei club, dei lavoratori e della categoria dei dj anche nei momenti difficili come, ad esempio, durante la pandemia per il blocco forzato delle attività. Non a caso lo scorso maggio all’hotel St.Regis di Roma ha dato il via a una serie di meeting in streaming con il format “Total Volume Project”. Un progetto a sostegno della difficoltà del settore. Pioniere fino all’ultimo.

“Non oso definirla professione neanche a 57 anni, non ci sono i tratti definitivi del lavoro. C’è una grande passione dietro che nasce perché ho sempre ascoltato i dischi, avendo la possibilità di maneggiarli. – ha raccontato Coccoluto in una intervista a IlGiornaleOff – Mio padre aveva un piccolo negozio a Gaeta, in provincia di Latina, una sorta di bazar dove si vendevano elettrodomestici, chitarre e bombole del gas. Ho giocato sin da piccolo con giradischi, magnetofoni e vinili”. “Cocco”, così lo chiamavano colleghi ed amici, vedeva il lavoro come una ragione di vita: “Per me il disco era un compagno di avventure, lo compravo proprio come acquistavo una collezione di soldatini”. L’anno chiave è il 1980 quando il dj si trasferisce a Roma per studiare all’università. Dopo aver frequentato diversi locali Coccoluto capisce che è quella la sua strada. Il resto è storia. Coccoluto amava definirsi “artigiano” e alzava il sopracciglio davanti all’evoluzione del mestiere fatto di scenografie ad effetto. “Tutta quella gente con i telefonini che riprendono i fuochi d’artificio non ha niente a che vedere con gli anni che ho speso a dare il mio piccolissimo contributo alla club culture”, ha dichiarato a Rockit. La sua filosofia di vita, nonché testimonianza, è racchiusa in poche frasi: “Far ballare quello che tu non avresti mai pensato di ballare è l’elemento avventuroso del fare il dj” e ancora “tuttavia, non ho incentrato alcun disegno di vita sul mestiere di dj, al di là del fatto che mi piaceva condividere la mia musica con gli altri. Il resto è arrivato da sé”. Infine su Twitter Coccoluto era molto attivo e con un occhio attento e rivolto all’attualità. C’è una frase di Ennio Flaiano che il dj ha voluto condividere con i suoi follower: “In questo Paese la situazione può essere anche grave ma mai seria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Settimana della Moda Milano 2021, Valentino sfila al Piccolo Teatro Strehler. Pierpaolo Piccioli: “Un gesto anarchico per un atto di moda” – FOTO

next
Articolo Successivo

Angelina Jolie vende all’asta il quadro di Churchill regalo di Brad Pitt: ecco la cifra record che ha incassato

next