La Pianura Padana come la savana? Forse. Ha più di centomila anni e risale al tardo Pleistocene, il fossile di una leonessa trovato nell’estate del 2017 lungo il tratto cremonese del fiume Po da Davide Persico, paleontologo e ricercatore presso l’Università di Parma e sindaco di San Daniele. Il fossile è la prima e unica testimonianza della presenza del leone delle caverne nel tardo Pleistocene della Pianura Padana.

https://www.facebook.com/PaleoDav/posts/3936947576356927

È un fossile di parte della mandibola di un leone ‘Panthera spelaea intermedia’, del quale gli studi e le ricerche eseguite hanno portato solo ora alla datazione certa. “Grazie all’analisi dei dati morfometrici generali e in particolare al confronto tra le dimensioni del dente molare, è stato possibile identificare il fossile come appartenente a una leonessa subadulta di 132 chili”, ha spiegato Persico.

“Finora in Italia – ha aggiunto – resti fossili di leone di quell’epoca erano stati trovati solamente in depositi di grotta sui rilievi appenninici e alpini, mai in pianura. Vi è solo un precedente ritrovamento, avvenuto in Germania, di un fossile rinvenuto in depositi di pianura. La scoperta del fossile del Po migliora pertanto le conoscenze scientifiche e conferma, per la prima volta, l’esistenza di un predatore apicale in pianura”.

Lo studio pubblicato su Quaternary international

Foto dal profilo Facebook di Davide Persico

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, il dilemma sul ritardo della seconda dose di vaccino. Gli scienziati divisi. “Utile”, “Da valutare”, “Un obbrobrio”

next
Articolo Successivo

Covid, al via la sperimentazione umana del secondo vaccino italiano. Primo volontario un ragazzo di 21 anni

next