Consegnati alla polizia da una donna “misteriosa” che si è detta “estranea e non associata” alla rapina a mano armata che ha ridotto in fin di vita il dog sitter di Lady Gaga, Ryan Fischer. I cani della cantante, due bulldog francesi, Koji e Gustav sono sani e salvi. La star aveva offerto una ricompensa di 500mila dollari a chiunque avesse riportato a casa i suoi due cani, ma non è chiaro se la donna abbia o meno ricevuto la somma. Il terzo cane, Miss Asia, era invece riuscita a fuggire durante l’assalto ed era stata poi ritrovata dalle forze dell’ordine.

“Posso confermare che i cani sono stati localizzati e sono al sicuro”, ha detto il capitano Jonathan Tippet, citato dai media americani. Intanto l’identità della misteriosa salvatrice non è stata resa nota, si legge sulla Cnn, per “proteggerla” e perché “le indagini sono ancora in corso”. Lo stesso vale per il luogo dove sono stati ritrovati i due bulldog.

La rapina avvenuta tre sere fa a Hollywood aveva sconvolto la cantante che si trova a Roma per le riprese del nuovo film di Ridley Scott, “Gucci”. A subire le sorti peggiori il dog sitter, colpito con una pistola semiautomatica, che ora si trova in condizioni critiche e definito da Lady Gaga “un eroe”. “Hai rischiato la tua vita per combattere per la nostra famiglia, sarai sempre un eroe”, ha scritto su Instagram la cantante, offrendo, appunto, una ricompensa di mezzo milione di dollari a chiunque li avesse “ritrovati o comprati, non importa la somma è la stessa”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Ghini, lo sfogo: “Sono arrivati a dire che ho raccontato l’odissea di mio figlio con il Covid per pubblicità”

next
Articolo Successivo

Settimana della Moda Milano 2021, Giorgio Armani esalta con massima coerenza il suo stile e mette al centro il suo Uri: “Riflette il mio amore per il Pianeta” – FOTO

next