Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, il cuore della residenza è la magione, con i suoi 68 vani, 181 metri quadrati di autorimessa e altri 174 di posti auto, 4 bungalow (di cui 2 accatastati A/2), 2 immobili denominati Cactus e Ibiscus, il teatro, la torre fronte teatro, la serra, la palestra, la talassoterapia e 297 mq di orto medicinale. Nell’elenco spunta anche “La Palappa” – una storpiatura della parola maya Palapa – una capanna senza pareti con un tetto di paglia di foglie di palma essiccate. La “Palappa” di Berlusconi ha una rendita catastale di 361 euro. Il parco che circonda la Villa è grande 580.477 metri quadrati, 80 volte più grande di un campo da calcio.

La residenza del Cavaliere di Porto Rotondo è una delle più care del mondo, anche se il suo valore di mercato può essere ancora più alto. La Villa Les Cèdres, la residenza del re del Belgio e in seguito ai fondatori del Grand Marnier ritenuta per molto tempo la più costosa del mondo, è stata venduta nel 2019 al miliardario ucraino Rinat Akhmetov per 200 milioni di euro. Berlusconi stesso, a quanto riferirono diversi media, ha ricevuto nel 2009 un’offerta dagli Emirati Arabi per Villa Certosa da 450 milioni di dollari. Nel 2010 un imprenditore iberico sembrava essersi aggiudicato la residenza a 400 milioni di euro, secondo i media spagnoli. Nel 2015 Berlusconi ricevette dal figlio del re d’Arabia Saudita un’offerta di 500 milioni per la villa.

La valutazione di Villa Certosa è allegata alle carte di un nuovo bond 2021-2027 da 80 milioni al tasso del 2,7% collocato dalla ditta proprietaria del complesso, Immobiliare Idra. Sulla residenza di Porto Rotondo è stata iscritta un’ipoteca di secondo grado.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Euro, lite La Russa – Prodi su La7. “La responsabilità del cambio sbagliato è sua”. “Non c’è niente da fare, lei non capisce”

next