Fumata bianca in piazza Gae Aulenti. Sarebbe Andrea Orcel il nome scelto per ricoprire il ruolo di amministratore delegato al posto del dimissionario Jean Pierre Mustier. Lo si apprende da fonti finanziarie. Cinquantasette anni, romano, Orcel ha ricoperto diversi incarichi di primo piano nel mondo bancario europeo. E’ stato presidente della banca svizzera Ubs. In precedenza aveva lavorato anche per le statunitensi Goldman Sachs, Merrill Lynch e per Boston consulting group. Nel 2018 Orcel ha ricevuto un’offerta dalla banca spagnola Santander per il ruolo di amministratore delegato. Il successivo ritiro dell’offerta ha dato luogo ad un contenzioso tuttora in corso. Dopo la notizia il titolo Unicredit è balzato al rialzo a Piazza Affari dove ora guadagna circa il 5%.

Orcel ha prevalso nella volata finale su Fabio Gallia, attualmente direttore generale di Fincantieri e in passato amministratore delegato di Bnl Italia e numero uno di Cassa Depositi e Prestiti quando ministro dell’Economia era Pier Carlo Padoan, attualmente presidente di Unicredit. Tra i corteggiati da Unicredit c’era anche l’ex amministratore delegato di Credit Suisse, Tidjane Thiam

Orcel raccoglierà dunque l’eredità di Mustier che aveva annunciato le sue dimissioni lo scorso 30 novembre, anche a causa degli attriti con gli azionisti in relazione alla possibile acquisizione di Mps. Proprio l’eventuale integrazione con la banca senese sarà il primo dossier bollente che si troverà tra le mani il nuovo amministratore.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spazio, il Centro italiano di ricerche di nuovo nel mirino della Corte dei conti: “Bilancio 2018 in rosso, ma al personale 2 milioni di premio”

next
Articolo Successivo

Borse spaventate dal caos vaccini. Listini in calo in Europa e Usa. Federal Reserve: “La ripresa economica rallenta”

next