Quante app di instant messaging abbiamo ormai sui nostri smartphone? Se va bene almeno tre tra quella degli SMS, WhatsApp o equivalenti come Telegram o, in tempi recentissimi Signal, e altre come Instagram, Facebook Messenger etc., senza contare i social veri e propri come Facebook, Twitter e molti altri. Una situazione davvero ingarbugliata, che può essere dispersiva e difficile da gestire, nonostante lo sforzo di notifiche e centri di controllo vari. Per questo uno sviluppatore della nota community di Reddit ha creato DM me, un’unica app che ci dovrebbe aiutare a tenere tutto sotto controllo.

Lo sviluppo di DM me è appena iniziato per cui l’app è ancora in fase di test e con funzionalità limitate (è comunque possibile provarla, visto che è già disponibile sul Google play Store), ma le potenzialità sono già ben visibili.

L’interfaccia principale è abbastanza semplice. Si tratta sostanzialmente di un elenco dei nostri contatti con nome, cognome, immagine utente e una serie di icone che ci dicono su quali piattaforme è registrato ogni singolo utente. Il funzionamento è semplicissimo: in fase di configurazione l’app chiederà all’utente di indicare un proprio ordine di preferenza tra le varie app (lo sviluppatore usa questo esempio: Signal, Telegram, WhatsApp, SMS). Dopodiché l’app ci mostrerà accanto al nome di ogni singolo utente solo le app a cui è registrato tra quelle supportate, nell’esempio dello sviluppatore WhatsApp ed SMS. Cliccando sull’utente sarà avviata direttamente la chat WhatsApp con quell’utente, giacché nell’esempio il primo ha priorità sul secondo.

Al momento le app supportate sono solo Google SMS, WhatsApp, Signal e Telegram, ma lo sviluppatore ha già fatto sapere che nella prossima versione sarà introdotto anche Facebook Messenger, con altre app social che potranno man mano arrivare se l’app avrà un qualche successo.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple iPad Pro, tablet da 11 pollici con sconto di 179 euro su Amazon

next
Articolo Successivo

Amazfit Bip U Pro, in vendita in Italia il nuovo smartwatch cinese da 70 euro

next