L’Amazfit Bip U Pro sbarca ufficialmente in Italia ed arriva a distanza di poche settimane dall’approdo sul mercato di un altro smartwatch, il Bip U, annunciato a dicembre. La nuova variante risulta ancora più potente e ricca di caratteristiche, supportata sempre da un prezzo di vendita molto interessante, 69,90 euro. Lo smartwatch è in grado di offrire quanto di più necessario per tenere sempre sotto controllo la propria condizione fisica, non solo mentre si sta svolgendo una sessione di allenamento ma anche per monitorare costantemente i parametri vitali più importanti nel corso di una classica giornata.

Il nuovo wearable della casa cinese è stato reso disponibile in tre colorazioni: nero, rosa e verde ed è caratterizzato dalla presenza di un display HD a colori da 1,43 pollici ed una risoluzione di 320 x 302 pixel, protetto da un vetro 2,5D Corning Gorilla 3 e supportato dal rivestimento anti-impronte, ottimo per leggere senza troppe difficoltà le notifiche in arrivo ed i dati sul fitness. Ci troviamo difronte ad un dispositivo molto compatto ed estremamente leggero, dalle dimensioni di 40.9 x 35.5 x 11.4 mm e con un peso che sfiora appena i 31 grammi.

La scocca è realizzata in policarbonato, mentre il cinturino da 20 mm, realizzato in silicone, risulta intercambiabile in base ai propri gusti o necessità. Il dispositivo è in grado di monitorare oltre 60 modalità sportive tra cui yoga, ciclismo, corsa, e kickboxing e può essere personalizzato a piacimento grazie alla presenza di più di 50 quadranti. Inoltre è possibile selezionare anche le immagini dall’album del proprio smartphone e caricarle direttamente sull’orologio attraverso l’applicazione proprietaria Zepp grazie alla presenza del Bluetooth 5.0. Su questo modello arriva anche il GPS integrato.

Tra i sensori implementati all’interno dello smartwatch troviamo il monitoraggio dell’ossigenazione del sangue nota come SpO2, una caratteristica che ritroviamo ormai su tutti i prodotti annunciati nell’ultimo periodo e quanto mai indispensabile, unita alla tecnologia OxygenBeats. E’ presente anche il sensore per la registrazione della qualità del sonno denominato SomnusCare e per il rilevamento dei battiti grazie alla tecnologia PPG BioTracker 2, unito a quello dello stress oltre alla funzione dedicata alla respirazione.

Non manca all’appello neanche l’impermeabilità fino a 50 metri e quindi la possibilità di monitorare il nuoto. Risulta poi possibile controllare la musica direttamente da polso, scattare foto da remoto e le classiche funzioni software viste anche sugli altri modelli dell’azienda. La batteria è caratterizzata da un’ unità da 230 mAh che consentirebbe una durata continua fino a 9 giorni mentre per la ricarica completa sarebbero necessarie circa 2 ore, attraverso il connettore POGO Pin.

Come anticipato il nuovo Amazfit Bip U Pro è già disponibile all’acquisto in Italia attraverso il sito ufficiale a 9,90 euro con disponibilità immediata. Non abbiamo al momento informazioni circa un suo approdo sullo store di Amazon.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

DM me, un’app per dominarle tutte (WhatsApp, Telegram e le altre)

next
Articolo Successivo

Anche Xiaomi finisce sulla blacklist degli Stati Uniti. Servizi Google a rischio?

next