Si chiama la “Scugnizzeria” ed è la libreria di una piccola casa editrice, la Marotta&Cafiero, a Scampia. Nel quartiere di Napoli dove per decenni la camorra si è impadronita del tessuto economico e sociale, Rosario Esposito La Rossa (qui il suo blog), direttore editoriale della casa editrice, ha lanciato una sfida culturale: portare i libri nelle case dove una volta c’era la droga. Ora la casa editrice ha annunciato che pubblicheranno un libro inedito di Stephen King, maestro del thriller e dell’horror, tra i primi tre scrittori più venduti al mondo. “La Marotta&Cafiero continua il suo percorso di crescita e mira a diventare un punto di riferimento dell’editoria campana in ambito locale e nazionale”, hanno commentato gli editori.

Dopo essere entrati nel circuito della distribuzione e promozione Mondadori, i ragazzi di Scampia annunciano la pubblicazione il prossimo 4 maggio di un saggio mai pubblicato in Italia di King. Il tema affrontato è uno dei più controversi degli Stati Uniti: le armi da fuoco e la violenza armata. Il volume, dal titolo ‘Guns – Contro le armi’, è stato scritto da King dopo la strage della Sandy Hook Elementary School (Connecticut) avvenuto nel 2012 e in cui morirono 20 bambini. Nel saggio King provoca, discute, prova a suggerire possibili e necessarie soluzioni.

“Realizziamo un sogno e ora proveremo a portare a Scampia Stephen King”, dicono i ragazzi della Marotta&Cafiero. Tra gli autori da loro pubblicati ci sono nomi importante della scena italiana e internazionale, come Gunter Grass, Osvaldo Soriano, Che Guevara, Raffaele La Capria, Jacopo Fo, Garri Kasparov e William Golding. “Gli ‘Spacciatori di Libri’ stanno provano davvero a trasformare un piccola casa editrice di periferia in una sigla editoriale di livello nazionale”, concludono.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mostre, Kandinsky nomade e rivoluzionario: il tour online nella mostra del Guggenheim di Bilbao

next
Articolo Successivo

Beni culturali: partiamo dall’attualità per capire come risalire la china

next