OnePlus è entrata ufficialmente nel mercato dei wearable grazie al lancio del suo primo indossabile, OnePlus Band, il nuovo fitness tracker che senza troppi giri di parole ha l’obiettivo di porsi come diretto concorrente della Xiaomi Mi Band 5, grazie ad un design molto simile ed all’implementazione di diverse interessanti funzionalità.

La OnePlus Band presenta un display AMOLED a colori da 1,1 pollici, con risoluzione 126 x 294 pixel ed una copertura del 100% del volume colore dello spazio DCI-P3 assieme alla presenza di un cinturino in silicone. Il dispositivo è dotato di un sensore ottico in grado di rilevare con precisione la frequenza cardiaca 24 ore su 24, di un accelerometro a 3 assi, unito ad un giroscopio e ad un sensore SpO2 per il monitoraggio dell’ossigenazione nel sangue. La Band è dunque in grado di conteggiare i passi e le calorie bruciate ed è in grado anche di monitorare il sonno. Sono supportate 13 modalità di allenamento, tra cui corsa all’aperto, corsa al chiuso, corsa brucia grassi, camminata all’aperto, ciclismo, canottaggio, nuoto, yoga e cricket.

Altre caratteristiche funzionali relative alla OnePlus Band includono il supporto alla ricezione delle notifiche, la possibilità di controllare la riproduzione della musica direttamente dal polso, la compatibilità con la modalità Zen presente su alcuni telefoni OnePlus, la funzione Trova il mio telefono e la possibilità di accettare o rifiutare le chiamate in arrivo. Non manca neanche la certificazione IP68 per la resistenza alla polvere ed all’acqua, con la possibilità di utilizzarla anche durante allenamenti più intensi o per le sessioni di nuoto.

La band è equipaggiata con il Bluetooth 5.0 (Low Energy) e dispone di una batteria da 100 mAh che consentirebbe di utilizzarla per 14 giorni con una singola carica. La ricarica avviene attraverso il collegamento di un cavo di tipo USB-A con i pin posti sotto il dispositivo e con il vantaggio di non dover necessariamente rimuovere ogni volta il tracker dal cinturino. Per utilizzare la band è necessaria l’associazione con la app proprietaria denominata OnePlus Health e scaricabile su qualsiasi smartphone con a bordo Android 6.0 e versioni successive. Oltre a offrire un’analisi dettagliata dei vari dati raccolti dal tracker, l’app consente anche di personalizzare i quadranti e tenere sotto controllo tutti i dati raccolti dal dispositivo.

Il cinturino è disponibile in tre colorazioni: Black (già presente in confezione), Navy e Tangerine Gray (acquistabili separatamente a 5 euro l’uno). Il prezzo di vendita, al cambio, si aggira attorno ai 28 euro con la disponibilità prevista a partire dalla giornata di domani, ma al momento solo nel mercato indiano. Al momento non abbiamo informazioni circa la disponibilità su altri mercati, compreso quello italiano.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lenovo ThinkReality A3, smart glasses per la produttività in realtà aumentata del futuro

next
Articolo Successivo

NVIDIA: al CES annunciate la RTX3060 e la nuova generazione di schede video RTX per notebook

next