In occasione del CES 2021, l’evento annuale dedicato all’elettronica di consumo -quest’anno svolto in digitale -, NVIDIA ha presentato alcune novità, tra la nuova RTX 3060 -che si pone alla base dell’offerta di GPU con supporto al RayTracing di seconda generazione- ed il debutto sui notebook per gamers e per content creators delle schede video della serie RTX30 incluse le varianti Max-Q.

La nuova RTX3060 va ad occupare una delle caselle più importanti nell’offerta di NVIDIA, quella della fascia media che attrae l’ampio pubblico che è in ricerca di una GPU che offra buone prestazioni ma con prezzi più contenuti. Il nuovo chip di NVIDIA sarà capace di 13 Shader TFLOPs, 25RT-FLOPs per il RayTracing e 101Tensor-TFLOPs per le operazioni legate all’intelligenza artificiale, come DLSS2.0, e sarà affiancata da 12GB di memoria GDDR6, promettendo -nelle parole del chipmaker americano- fino al doppio delle prestazioni rispetto alla celebre GTX1060, aggiungendo la possibilità di utilizzare sia RayTracing che DLSS. Le schede video che equipaggeranno la RTX3060 arriveranno sul mercato a fine febbraio dai principali produttori con prezzi a partire da 329$.

Sul versante notebook, la nuova generazione di GPU Ampere debutterà su 70 diverse configurazione prodotte dai principali produttori – gli annunci dei modelli specifici arriveranno nel corso dei prossimi giorni – con GPU sia in versioni standard che Max-Q, vedendo tra le altre novità un ampia offerta di modelli che offriranno display con risoluzione QHD (1440p). I nuovi notebook da gaming che equipaggeranno le RTX3060 promettono, secondo le indicazioni di NVIDIA, prestazioni pari o superiori ai modelli con l’ammiraglia della precedente generazione, la RTX2080 Super, con prezzi a partire da 1099€, si posizioneranno invece in un gradino prestazionale superiore i modelli con RTX3070, puntando ad offrire i 90fps a 1440p con prezzi a partire da 1499€. Al top dell’offerta laptop si posizioneranno i modelli con gpu RTX3080, nella variante mobile accompagnata da 16GB di memoria dedicata, con cui nelle indicazioni di NVIDIA si dovrebbero oltrepassare i 100 frame al secondo giocando in QHD, i prezzi partiranno da 2299€.

La terza generazione di MaxQ, il pacchetto di tecnologie dedicato principalmente ai notebook più sottili, porta al suo interno varie novità per ottimizzare ulteriormente il rapporto tra prestazioni, rumorosità e consumi energetici: Dynamic Boost 2.0 fa un ulteriore passo avanti, vedendo l’AI gestire la distribuzione della potenza disponibile tra CPU, GPU e memoria della GPU in base alle necessità dell’applicazione o gioco in esecuzione, WhisperMode 2.0 invece è un sistema che affida all’intelligenza artificiale la regolazione del sistema di raffreddamento (velocità delle ventole) e della potenza disponibile su CPU e GPU per mantenere la rumorosità del notebook al di sotto dei livelli richiesti dall’utente.

I nuovi notebook con GPU RTX serie 30 offriranno il supporto a Resizable BAR, una tecnologia opzionale dell’interfaccia PCI Express che permette alla CPU di accedere alla memoria della scheda video in maniera più efficiente, grazie alla possibilità di inviare anche gli asset più grandi in un unico trasferimento, oltre al poter effettuare più accessi in parallelo, non ricorrendo più ad un sistema a coda. Per quanto riguarda le schede desktop invece, le nuove 3060 arriveranno sul mercato con già disponibile il supporto a Resizable Bar – a patto che siano utilizzate su un PC con scheda madre e processore compatibili- mentre per le schede RTX della serie 30 uscite nel corso degli ultimi mesi sarà necessario un apposito aggiornamento firmware, che i vari produttori dovrebbero riuscire a rilasciare nel corso del mese di marzo.

Nel corso della sua presentazione NVIDIA ha anche annunciato l’arrivo del supporto ad NVIDIA Reflex, la sua tecnologia di misurazione ed ottimizzazione dei tempi di latenza, su RainbowSix: Siege e su Overwatch, e 5 nuovi monitor con integrato il Reflex Analyzer.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

OnePlus Band, ufficiale la nuova smartband che lancia la rincorsa a Xiaomi

next
Articolo Successivo

Huawei FreeBuds 3, auricolari wireless per Apple e Android su Amazon con 50 euro di sconto

next