I robot potranno “provare” una sorta di empatia: è stata progettata una macchina capace di prevedere le azioni di un suo simile semplicemente osservandolo. Così come l’uomo può mettersi nei panni degli altri per anticiparne le azioni, questa capacità può essere replicabile nei robot: in questo modo gli automi interagiranno meglio tra loro e con gli esseri umani. Il risultato dello studio, pubblicato sulla rivista Nature Scientific Reports, si deve ai ricercatori della Columbia University di New York, guidati da Hod Lipson.

La possibilità di prevedere azioni future dall’osservazione “è una capacità in grado di migliorare significativamente la sintonia e il grado di interazione naturale di un robot con un umano, dal momento che la barriera linguistica viene superata nell’esecuzione di compiti in cui ad esempio è necessario un coordinamento o un accordo reciproco”, osserva Antonio Frisoli, professore ordinario di Robotica presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Nello scenario del robot aiutante “possiamo immaginare robot in grado di assecondare le nostre azioni in modo collaborativo ed efficace”, aggiunge.

Nell’esperimento dei ricercatori di New York, un robot doveva cercare dei cerchi di colore verde e dirigersi verso di essi. A volte però il cerchio verde era nascosto da una scatola di cartone rossa. In quel caso il robot o cercava un altro cerchio verde per raggiungerlo o si bloccava. Nel frattempo, un altro robot osservava la scena da una prospettiva che non gli nascondeva alcun cerchio verde. Dopo aver osservato il suo partner per due ore, il robot osservatore ha iniziato ad anticipare l’obiettivo e il percorso dell’altra macchina.

L’esperimento, rileva Frisoli “ha misurato una forma primitiva di empatia tra due robot, misurata come la capacità da parte di un robot di predire il comportamento di un altro robot in assenza di comunicazione verbale, ma solo attraverso un’analisi visiva del comportamento dell’altro partner”. In prospettiva, continua Frisoli, si aprono delle domande etiche importanti: “Fino a che punto un robot deve essere in grado di prendere decisioni autonome sulla base di una sua predizione? Può un robot, nell’anticipare il pensiero dell’uomo, manipolare l’uomo stesso e non essere più il mero esecutore di compiti? Sono tutti aspetti – rileva l’esperto – che meritano una riflessione attenta di tipo robo-etico e filosofico“.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Windows 10 News and Interests, in arrivo un nuovo aggregatore per notizie e interessi

next
Articolo Successivo

Apple iPhone 11 Pro in offerta su Amazon con sconto di 224 euro

next