“La classe dirigenziale ha il diritto di avere punti di vista diversi e anche di avere la lotta politica. È un diritto: il diritto di imporre la propria politica. Ma in questo tempo si deve giocare per l’unità, sempre”. Sono parole per niente casuali quelle pronunciate da Papa Francesco nell’intervista esclusiva andata in onda domenica sera su Canale 5. Rispondendo alle domande del vaticanista di Mediaset, Fabio Marchese Ragona, il pontefice ha lanciato un appello alla politica e a chi rappresenta le istituzioni in tutto il mondo. “In questo tempo non c’è il diritto di allontanarsi dall’unità – spiega -. Per esempio, la lotta politica è una cosa nobile, i partiti sono gli strumenti. Quello che vale è l’intenzione di fare crescere il Paese. Ma se i politici sottolineano più l’interesse personale all’interesse comune, rovinano le cose”.

Bergoglio non si riferisce direttamente alla crisi di governo ventilata nel nostro Paese da Matteo Renzi, ma le sue dichiarazioni arrivano proprio mentre i contagi sono in risalita e l’esecutivo è tenuto da settimane sotto scacco. Tra l’altro la domanda posta dal giornalista al Pontefice non riguarda esplicitamente le divisioni in politica: “Quando non c’è fratellanza, quando non c’è unità, si possono creare anche delle tensioni, delle tensioni sociali anche all’interno degli Stati, c’è forse bisogno di ritrovare, riscoprire un senso di comunità, essere un’unica comunità, un unico gruppo di persone?”, chiede Marchese Ragona. La replica di Francesco invece va dritta al punto: “I conflitti sono necessari, ma in questo momento devono fare le vacanze. Bisogna sottolineare l’unità, del Paese, della chiesa e della società. A chi dice che ‘in questo modo si possano perdere le elezioni‘ dico che non è il momento“. “Questo è il momento di pace e non crisi”.

Solo una volta passata la pandemia ognuno potrà tornare “a dire ‘Io’, ma in questo momento, un politico, anche un dirigente, un vescovo, un sacerdote, che non ha la capacità di dire ‘noi’ non è all’altezza. Deve prevalere il ‘Noi’, il bene comune di tutti. L’unità è superiore al conflitto”, insiste papa Francesco. Il capo della Chiesa si rivolge infine a “tutti i dirigenti”, categoria in cui include i sacerdoti, i politici e gli imprenditori, affinché perseguano il bene comune anziché il proprio “negoziato“. Trattative fatte “sulla pelle dei fratelli e delle sorelle che stanno soffrendo per la crisi”. Ma davanti a un momento di difficoltà mondiale come quello che stiamo vivendo, conclude, bisogna “cancellare l’io'”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

In Lombardia tornano i volti di un decennio fa. Ed è rilevante, in vista delle elezioni a Milano

next