Nei prossimi giorni prenderà il via la campagna di vaccinazione anti-Covid-19 all’interno dello Stato della Città del Vaticano. La direzione Sanità e Igiene del Vaticano fa sapere che “è prevedibile che i vaccini possano arrivare nella seconda settimana di gennaio, in una quantità sufficiente a coprire il fabbisogno della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano”.

Priorità per i vaccini, somministrati nell’atrio dell’aula Paolo VI da personale medico e infermieristico qualificato della Direzione di Sanità e Igiene, verrà data alle categorie maggiormente esposte al contagio e secondo le adesioni volontarie, quindi “al personale sanitario e di pubblica sicurezza, agli anziani e al personale più frequentemente a contatto con il pubblico”, comunica la direzione Sanità e igiene. Per conservare le dosi di vaccino è stato acquistato un “ultra low temperature refrigerator” e la campagna di vaccinazione sarà “in linea con le raccomandazioni sanitarie per la pandemia”, conclude la nota.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La pizza è meglio della camorra”. La storia di Ciro da Napoli a Brescia per un futuro diverso: “Mio papà pentito mi ha insegnato tutto”

next