Un provino per un film italiano. Era questa l’esca per attirare giovani donne che diventavano prede da abusare. L’uomo, che organizzava falsi casting per aspiranti attrici per poi violentarle, è stato arrestato dagli uomini della Squadra Mobile di Milano. Gli investigatori della polizia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo che ha precedenti per truffa, appropriazione indebita, documenti falsi e violenze sessuali. A far scattare l’inchiesta la denuncia, lo scorso 11 luglio, di una ragazza da poco maggiorenne.

La prima che ha presentato denuncia aveva raccontato di essere stata convocata per telefono per un casting per aspiranti attrici dedicato alla produzione di un film dal titolo “La forza dell’Amore”. Secondo quanto riferito dagli investigatori della Questura, al casting la vittima si è poi iscritta attraverso un sito che faceva capo ad una agenzia. Nella sua sede era stata vittima di abusi sessuali da parte dell’uomo che le si era presentato come il responsabile dei casting. Le indagini hanno permesso di individuare almeno altre tre vittime: si tratta di ragazze tra i 23 e i 29 anni, dalle cui testimonianze è emerso che l’arrestato aveva usato nei loro confronti lo stesso modus operandi. I finti casting erano stati organizzati, in quelle occasioni, per la presunta produzione di altri due film. L’uomo è indagato anche in un procedimento della Procura di Roma per fatti analoghi risalenti tra il settembre 2019 e il luglio di quest’anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Genovese, la 18enne vittima di violenza: “Ero sveglia, ma completamente andata. Dopo un po’ ho capito che davvero ero in pericolo”

next